menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Bambini in aula, le scuole a Palermo resteranno aperte

Bambini in aula, le scuole a Palermo resteranno aperte

Dietrofront di Orlando: le scuole a Palermo restano aperte

Il sindaco in conferenza: "Ho sospeso la firma dell'ordinanza dopo le rassicurazioni avute dai ministri Speranza e Azzolina e dal presidente della Regione Musumeci. Ho chiesto screening di massa nelle scuole". Poi il dato choc: "In città incremento di oltre il 25 per cento di morti"

Le scuole restano aperte. Dopo le polemiche arriva il dietrofront del sindaco Leoluca Orlando, che però spiega di aver chiesto al presidente della Regione Musumeci l'avvio di uno screening di massa su tutto il mondo scolastico. Ieri era arrivato l'annuncio delle scuole a partire da lunedì attraverso un comunicato, ma nessuna firma su un'ordinanza. Tra l'altro stamattina non era stato inviato nessun avviso alle scuole. Ora il dietrofront. "Ho sospeso la firma dell'ordinanza - ha affermato Orlando - dopo le rassicurazioni avute dai ministri Speranza e Azzolina e dal presidente della Regione Musumeci". 

Orlando, il dato sui morti e l'annuncio: "Scuole aperte" | Video

Il sindaco attraverso una diretta Facebook ha spiegato di aver avuto dei confronti "rassicuranti" sia col ministro della Salute Roberto Speranza e con quello dell'Istruzione Lucia Azzolina. "Questa mattina ho chiesto a Speranza di valutare attraverso la task force i dati della Sicilia. Siamo al limite dell'Rt 1,5 e mi ha assicurato che laddove ci fossero motivi di allarme sarebbe intervenuto. Al ministro dell'Istruzione invece ho segnalato come i dati forniti sulle scuole siano rassicuranti, ma eseguiti su un campione ristretto. Un fenomeno che mi viene spesso evidenziato è quello degli assembramenti dei genitori davanti agli istituti. Anche su questo aspetto la Azzolina mi ha assicurato che sta inviando lettera ai dirigenti per evitare ciò quando i genitori lasciano i bambini a scuola. All'interno invece siamo sicuri che si mantengano i livelli di sicurezza".

"Scuole chiuse? I nostri figli a casa stanno male" | Video

Dopo i ministri è stato il turno del presidente della Regione Nello Musumeci, con il quale ieri sera c'è stato uno scambio di frecciate. "Il Presidente - spiega ancora Orlando - si è preso l'impegno di informarmi quotidiniamente sulla situazione dell'epidemia nella nostra città. Ho fatto presente come sia delicata la situazione delle scuole e ho comunicato la mia preoccupazione e ho espresso a lui i rilievi che provengono dal mondo del personale sanitario".

Orlando rende noto un dato preoccupante: "A Palermo abbiamo avuto un incremento di oltre il 25 per cento di morti. Può essere dovuto al Covid o alla mancata cura di altre patologie per i limiti delle strutture sanitarie, della medicina del territorio o per la preoccupazione del malato no Covid rispetto a un ricovero in ospedale". Rispetto alla media dei cinque anni precedenti, secondo i dati forniti da Palazzo delle Aquile, si registra una crescita della mortalità del 2 per cento ad agosto, del 5 per cento a settembre, +10 per cento a metà ottobre e 26% dal 15 al 30 ottobre". Ad  ottobre si sono registrati in totale 599 decessi, contro una media degli ultimi 5 anni di 497.

Orlando conferenza scuole covid-2Poi il sindaco chiede ancora di essere aggiornato sulla situazione degli ospedali cittadini e "bacchetta" la Regione per i pochi tamponi eseguiti al giorno (la Sicilia è tra le regioni che fa meno tamponi in Italia ndr). "Siamo in presenza di dati che riguardano i contagi - dice Orlando - ma con un numero di accertamenti ridotto. Sono preoccupato. A settembre ho chiesto dati sui contagi per Comune, e la mia richiesta è stata accolta solo dieci giorni fa. Ma non è stata evasa quella sulla strutture ospedaliere. Ho inviato una lettera al premier Giuseppe Conte, rappresentando la sofferenza per la mancanza di questi dati".

"Ho avuto le rassicurazioni necessarie - conclude Orlando - e per questo ho deciso di sospendere la firma dell'ordinanza. Ma se a partire da lunedì non prenderà il via uno screening di massa negli istituti sarò costretto a firmare l'ordinanza per dare il tempo necessario all'esecuzione dei controlli su tutti coloro i quali frequentano le scuole".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento