rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

Rotoli, sì alla costruzione di 424 loculi temporanei: obiettivo è dimezzare (in 4 mesi) le salme in deposito

Nel giorno in cui il leader della Lega Matteo Salvini farà tappa al cimitero di Vergine Maria, il sindaco Orlando firma un'ordinanza che prevede la realizzazione delle tombe nei viali di Santa Maria e di Santissima Trinità. "Emergenza che non ha bisogno di commissari, ma di risorse e strumenti che abbiamo chiesto con forza al Governo"

Nel giorno in cui il leader della Lega Matteo Salvini farà tappa ai Rotoli, a margine degli incontri coi dirigenti locali del suo partito, il sindaco Leoluca Orlando firma un'ordinanza che consentirà di realizzare 424 loculi temporanei nel più grande cimitero della città, alle prese con un'emergenza sepolture ormai cronica.

L’atto è il risultato delle decisioni assunte dalla cabina di regia voluta dal sindaco nell’ambito delle iniziative messe in campo per ridurre il numero di salme in deposito, ad oggi circa 800. I loculi temporanei saranno posizionati nei viali di Santa Maria e di Santissima Trinità e hanno già ottenuto il parere igienico sanitario favorevole in sede di conferenza di servizi.

Ci vorranno però circa quattro mesi per la collocazione. "Tanto ha stimato il Rup - spiega Toni Sala, assessore ai Servizi cimiteriali - per l’affidamento, l’esecuzione e il collaudo dei lavori. Questi 424 loculi ci consentiranno di dimezzare il numero di salme in deposito anche in assenza del piano triennale delle opere pubbliche. Ci auguriamo che questa, insieme alle altre iniziative intraprese, ci consenta di tornare al più presto alla normalità".

"Quella dei cimiteri è un’emergenza che non ha bisogno di commissari, ma di risorse e strumenti che abbiamo chiesto con forza al Governo nazionale - commenta Orlando -. Nel frattempo facciamo quanto è nelle nostre possibilità per dare risposte a tante famiglie che attendono di poter dare degna sepoltura ai propri cari". 

Il testo dell'ordinanza

"L'ordinanza firmata dal sindaco Orlando per realizzare 424 loculi temporanei al cimitero dei Rotoli - dice Alessandro Anello, segretario della Lega nella città metropolitana - è vergognosamente tardiva e non potrà fare dimenticare le scene dell'orrore di un camposanto divenuto purtroppo una vergogna nazionale, ma soprattutto non cancellerà il drammatico ricordo dei familiari dei defunti costretti a visitare i propri cari all'interno di bare senza degna sepoltura accatastate alla rinfusa. Il primo cittadino di Palermo ha avuto bisogno dell'eco mediatico generato dal sopralluogo organizzato dalla Lega alla presenza di Matteo Salvini per decidere di fare qualcosa. Vigileremo per scongiurare il rischio che una volta spenti i riflettori fra i viali di Vergine Maria si possa tornare nuovamente nell'oblio".

"Dopo mesi di imbarazzanti e colpevoli balbettii - dichiara il consigliere comunale della Lega Marianna Caronia - l'amministrazione 'scopre' solo oggi di avere poteri per fronteggiare l’emergenza bare, una delle pagine più buie e tristi che la nostra città ricordi. La realizzazione di 424 loculi temporanei al cimitero di Santa Maria dei Rotoli non si poteva prevedere prima? Era necessario che un leader di partito come Matteo Salvini venisse a Palermo per denunciare il problema perché Orlando e la sua armata brancaleone si muovessero per fare qualcosa? Sono mesi che al Comune con in testa il collega Igor Gelarda e all'Ars con i miei interventi in Aula e in commissione, la Lega propone e chiede soluzioni per questa emergenza, ottenendo dal Comune il nulla come risposta. Quando si assume l’onere e l’onore di governare una città come Palermo non si può 'giocare' a scaricabarile né temporeggiare nel trovare soluzioni ai problemi più gravi come questo. Altrimenti si abbia la serietà e la dignità di farsi da parte".

E il capogruppo Igor Gelarda aggiunge: "Salvini è l'unico leader nazionale di partito che, ad oggi, ha preso a cuore questa straziante situazione dei Rotoli. A Salvini ho consegnato un dossier aggiornato sulla situazione tragica e incredibile. Le salme al deposito sono ancora 800 mentre resta tutto fermo ciò che concerne il vecchio forno crematorio e anche quello nuovo. Ma soprattutto, e di questo ho discusso con Matteo Salvini, nessun segnale serio per ciò che concerne il nuovo cimitero, unica vera soluzione. Non abbiamo bisogno di ordinanze per loculi temporanei, né tantomeno di parole e parole sulle salme dei nostri cari. Abbiamo già chiesto come lega palermitana, e lo ha fatto anche Salvini nella sua interrogazione, il commissariamento dei cimiteri. L'unica vera soluzione per togliere dalle mani di un sindaco incapace un dramma di questo tipo".

Intanto, riprenderà da lunedì il trasferimento delle salme dal deposito del cimitero dei Rotoli a quello di Sant’Orsola. L’incontro in prefettura ha consentito di trovare un accordo tra il Comune e le agenzie funebri. Le ditte che fanno capo al sindacato Feniof hanno sospeso lo stop ai trasferimenti. Il Comune si è impegnato a potenziare gli uffici cimiteriali con nuovo personale e le imprese funebri si impegnano a trasportare le salme già da lunedì.

Articolo aggiornato alle 18,45 del 22 ottobre 2021 con dichiarazione del consigliere Igor Gelarda

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rotoli, sì alla costruzione di 424 loculi temporanei: obiettivo è dimezzare (in 4 mesi) le salme in deposito

PalermoToday è in caricamento