menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La piazza di Mondello vuota

La piazza di Mondello vuota

Piazza di Mondello "chiusa", la protesta: "Impossibile raggiungere Capo Gallo"

La denuncia del presidente del Costa Ponente: "Soci bloccati all'altezza del Vecchio stabilimento, da lì si procede solo a piedi. Danno economico enorme". Dal Comune replicano: "I vigili urbani fanno passare chi afferma di aver prenotato in un ristorante". La Questura spiega: "Si tratta semplicemente di ingressi contingentati"

"Impossibile raggiungere Capo Gallo in auto". A lanciare l'allarme e protestare contro la nuova ordinanza di chiusura firmata dal sindaco Orlando ieri sera per contenere la pandemia è il presidente del Costa Ponente, Michele Scarfeo. Diversi soci della struttura e clienti della società che si occupa di matrimoni ed eventi vari ospite all'interno del circolo questa mattina non sarebbero riusciti a raggiungere il circolo nautico. "Clienti arrivati da Alcamo, Trabia e Termini Imerese per pagare l'acconto del matrinonio - racconta a PalermoToday Scarfeo - sono stati bloccati da polizia e municipale all'altezza del Vecchio stabilimento e non sono riusciti a raggiungerci. E' successo lo stesso a diversi soci che volevano passare per pagare la quota o semplicemente per prendere il sole, guardare il mare o fare sport". 

Il titolare del circolo, incredulo, si è recato personalmente sul posto, a bordo della sua auto, per verificare cosa stesse accadendo. "Non può entrare in auto, c'è un'ordinanza del sindaco - riferisce il presidente del Circolo - che lo impedisce. Può entrate solo a piedi". Dal Vecchio stabilimento a Capo Gallo però la strada è parecchia. "Io - prosegue Scarfeo - ho tanti soci anziani. E' assurdo, il transito lo devono garantire. Mi stanno facendo un danno di immagine ed economico enorme". Dal Comune replicano: "I vigili urbani fanno passare chi afferma di aver prenotato in un ristorante". 

Sono tante le attività imprenditoriali al momento raggiungibili solo a piedi: Hotel La Torre, Motomar, le Rocce solo per citarne alcune. "Forse il sindaco - conclude il presidente del Costa Ponente - non è mai andato oltre la piazza dove si trovano diverse realtà imprenditoriali importanti, oggi disperate e arrabbiate. La beffa è che io l'ho anche votato pur avendo opinioni politiche diverse perchè mi piace come persona". "Non c'è nessun blocco - replicano dalla Questura - ma si tratta semplicemente di ingressi contingentati". 

Sull’ordinanza è intervenuto anche l’avvocato Stefano Santoro, responsabile del Dipartimento giustizia della Lega Sicilia: "Orlando nega i diritti fondamentali ai palermitani con un’ordinanza che viola la libertà personale e la libertà di circolazione tutelati dalla Costituzione e sottoposti a riserva di legge. Gli esercizi commerciali e i ristoranti sono legittimati ad aprire, ma così facendo li danneggerà ulteriormente sotto il profilo economico. Il sindaco - continua Santoro - chiuso nel suo ufficio, non si accorge di quanto sta succedendo nella nostra città e più in generale nel nostro Paese, dei gravi problemi economici e sociali che affliggono le categorie commerciali senza avere ottenuto alcun congruo indennizzo da parte dello Stato e della sofferenza subita dai giovani che hanno perso irreparabilmente un anno della loro gioventù per la pandemia". Se dovesse essere reiterata Santoro fa sapere che la Lega la impugnerà dinanzi al Tar.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento