Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca

Undici fermi per truffe alle assicurazioni, l'Aicis: "Caltabellotta non è un iscritto"

Con una nota l'Associazione italiana consulenti infortunistica stradale chiarisce che il signor Michele Caltabellotta, fermato nell'ambito dell'operazione Tantalo condotta dalla polizia, non è un consulente di infortunistica né un perito assicurativo in quanto non iscritto all'apposito ruolo

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

In merito al servizio pubblicato lo scorso 8 agosto dal titolo "Operazione tantalo, i nomi delle undici persone fermate per frodi" l’Aicis, l'Associazione italiana consulenti infortunistica stradale - ci segnala che "il signor Michele Caltabellotta non è né un consulente di infortunistica stradale né un perito assicurativo in quanto non iscritto all’apposito ruolo. Tale figura professionale che è, invece, ben regolamentata nel nostro ordinamento legislativo, prevede per l’abilitazione, un tirocinio formativo biennale obbligatorio, un complesso esame di Stato e precisi requisiti di alta moralità. A difesa dei propri associati, quindi, l’Aicis intende far presente che nonostante il frequente uso improprio che si fa di tale titolo, il perito assicurativo è un professionista molto preparato che opera in proprio con diligenza, correttezza e trasparenza, anche contribuendo in maniera significativa e a rischio della propria incolumità personale, allo smascheramento delle vere frodi assicurative negli incidenti stradali e nautici. Si ribadisce, quindi, che il signor Michele Caltabellotta non è né un consulente di infortunistica stradale né un perito assicurativo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Undici fermi per truffe alle assicurazioni, l'Aicis: "Caltabellotta non è un iscritto"

PalermoToday è in caricamento