menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Condanna di quasi 100 anni di carcere per nove affiliati del clan Madonia

Si tratta degli arrestati durante l'operazione Rebus del 2009. Il capo Francesco e i figli continuavano a comandare la cosca dal carcere. La pena più alta inflitta a Antonino Madonia che ha avuto 24 anni

 

Poco meno di cento anni complessivi di carcere. Questa la pena inflitta dalla quarta sezione del tribunale di Palermo a nove affiliati al clan mafioso dei Madonia, storica famiglia al vertice a Resuttana.
 
Si tratta degli arrestati durante l'operazione Rebus del 2009. I giudici hanno accertato che il capo della cosca Francesco Madonia (morto a marzo del 2007) e i figli Antonino, Giuseppe e Salvatore, continuavano a comandare dal carcere dove erano reclusi col regime del 41 bis. Lo facevano grazie ai colloqui con i familiari, soprattutto quelli con Maria Angela Di Trapani, moglie di Antonino Madonia, condannata a nove anni in appello con rito abbreviato.
 
In questo troncone del processo (accusa rappresentata dal pm Annamaria Picozzi) la pena più alta è stata inflitta a Antonino Madonia che ha avuto 24 anni, poi Salvatore Madonia 17 anni e 4 mesi. Giuseppe Madonia è stato condannato a 14 anni, Nicolò Di Trapani a 13 anni. Sette anni e sei mesi per Aldo Madonia e Massimiliano Lo Verde. Pena di 3 anni per Antonio Corsino e Giuseppina Di Trapani e di 2 anni e 8 mesi per Amalia Di Trapani. 
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento