"Come si dice 'ciao' in spagnolo?": anche un poliziotto coinvolto nel blitz antidoping

L'intercettazione che inchioda un agente: è risultato tra i 'clienti' dell'organizzazione sgominata ieri dai carabinieri del Nas di Palermo nell'ambito dell'operazione che ha portato all'arresto di quattro persone per il commercio di sostanze dopanti

C'era anche un poliziotto tra i 'clienti' dell'organizzazione sgominata ieri dai carabinieri del Nas di Palermo nell'ambito del blitz antidoping che ha portato all'arresto di quattro persone, tutte accusate a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata alla ricettazione, al possesso e al commercio di sostanze dopanti. Ai domiciliari sono finiti Gaspare Aiello e Francesco Di Rosalia, titolari di due palestre rispettivamente a Partinico e di Cinisi, Cesare Monte, personal trainer, e Filippo Masucci, gestore di un negozio che vende di integratori alimentari, a Palermo.

"Palestra trasformata in un ambulatorio del doping", 4 arresti

Un giro d'affari di circa 300 mila euro annui quello scoperto dai militari del Nas con il supporto dei colleghi del Comando provinciale di Palermo con atleti e body builder pronti ad acquistare e assumere ogni tipo di sostanza dopante per aumentare in breve tempo la massa muscolare.

Ciclisti e culturisti schiavi del doping | Video

Persino farmaci veterinari. A maggio del 2018 le cimici degli investigatori intercettano alcune telefonate tra Di Rosalia e un appartenente alla polizia di Stato. Parlano delle sostanze anabolizzanti che il poliziotto deve assumere per migliorare le proprie prestazioni fisiche in vista di una competizione sportiva di body building, la 'Panatta Cup', svoltasi a Rimini dall'1 al 3 giugno del 2018, in cui l'agente si classificò al terzo posto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Iniezioni e flebo negli spogliatoi | Video

"Gli interlocutori - scrive il gip nell'ordinanza - parlano anche di prodotti da consegnare direttamente a Rimini", proprio prima della gara "nemmeno per pagare la spedizione", dicono. Il linguaggio è criptico. "Come si dice 'ciao' in spagnolo? Ola, Halo" diceva Di Rosalia al suo interlocutore, facendo riferimento secondo gli investigatori al farmaco dopante Halotestin. E subito dopo aggiungeva: "Lasciando perdere questo ma io lo devo prendere sempre da 5 'chewing gum' o da 10?". E l'atleta rispondeva: "No... sempre da 10... Devi fare quello che ti dico io perché gli altri non sono convenienti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento