Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Operaio muore in Tribunale dopo essere caduto su un tavolo di vetro

L'uomo - 48 anni - di origini albanesi ha perso la vita mentre stava installando la fibra ottica negli uffici. Indagano i carabinieri. Controlli in corso in merito alle norme di sicurezza del cantiere dove è avvenuto l’incidente

E' morto nel giorno del suo compleanno. E' la tragica fine di Edmondo Fejzullai, operaio di origini albanesi, che ha perso la vita nel tardo pomeriggio di ieri in Tribunale a 48 anni mentre stava installando la fibra ottica negli uffici. L'uomo stava sistemando l'impianto in una camera di consiglio della corte d'assise, al piano terra del Palazzo di Giustizia, quando è caduto da una scala, è finito su un tavolo di vetro e si è tranciato una vena del femore. Fejzullai sarebbe morto dissanguato.

L'uomo era a Palermo da qualche giorno (era residente in Puglia) per eseguire i lavori in Tribunale. Le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore Francesco Gualtieri e il procuratore aggiunto Ennio Petrigni, che hanno disposto il sequestro della stanza dove è avvenuto l’incidente. Secondo le prime indagini la ditta che stava eseguendo i lavori è incaricata dal ministero della Giustizia e si stava occupando del cablaggio degli uffici giudiziari.

Indagano i carabinieri della compagnia di Piazza Verdi che ieri sera hanno ascoltato i colleghi di lavoro dell'operaio per capire quanto accaduto. Le forze dell'ordine stanno acquisendo le telefonate con la sala operativa. Controlli in corso in merito alle norme di sicurezza del cantiere dove è avvenuto l’incidente. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operaio muore in Tribunale dopo essere caduto su un tavolo di vetro

PalermoToday è in caricamento