Cronaca

Gesip, operai sul piede di guerra “Pronti a marciare su Roma”

I lavoratori temono che la società di servizi possa chiudere i battenti entro l'anno. I sindacati: "Non creeremo disagi, ma basta a campagne diffamatorie". Intanto il sindaco Orlando lotta con Roma per sbloccare i 5 milioni

Operai Gesip in un sit della settimana scorsa davanti a Palazzo delle Aquile

Rischia di approdare a Roma la protesta dei 1800 dipendenti della Gesip, l'azienda di servizi del Comune, i quali temono che la società possa chiudere i battenti entro l'anno.

"Alla luce di quanto emerso in questi ultimi giorni circa la vertenza Gesip - scrivono i sindacati Fisascat/Cisl, Uiltusc/Uil, Filcams/Uil, Filcams/Cgil, Usb, Alba, Cisas, Cisal, Conflavoratori, Fiadel, Ugl e Asia - stiamo assistendo all'ennesima macelleria sociale, che vedrà circa 1800 lavoratori dall'1 settembre senza lavoro. Le organizzazioni aziendali sono pronte a scendere in campo per opporsi a tali provvedimenti dopo la campagna denigratoria messa in atto in tutti questi anni contro i lavoratori della società, gli stessi hanno concordato di non creare alcun disagio alla cittadinanza: visto che un licenziamento di massa creerebbe già gravi ripercussioni sia di impatto sociale che di rilevanza economica per la città stessa”.

“Pertanto - concludono i sindacati - qualora non emerga nulla di positivo entro oggi, data della scadenza dell'ennesima proroga, i lavoratori della Gesip con i sindacati faranno una marcia verso Roma partendo da Palermo vestiti a lutto e senza bandiere".

Intanto quella di ieri è stata una giornata cruciale. Con il sindaco Orlando impegnato per far sbloccare da Roma i cinque milioni. Stamattina il tavolo tecnico darà il via libera alla seconda tranche che permetterà la proroga per tutto settembre alla società di servizi.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gesip, operai sul piede di guerra “Pronti a marciare su Roma”

PalermoToday è in caricamento