Cronaca

Termini, protesta degli operai Fiat: otto di loro s'incatenano al Municipio

Hanno un contratto in scadenza il prossimo 31 dicembre e temono di rimanere senza lavoro. La società Bienne Sud, che si occupa di verniciatura, sta trattando con Dr Motor

Il municipio di Termini Imerese

Ancora proteste a Termini Imerese. Questa volta a mostrare dissenso e preoccupazione, incatenandosi davanti al municipio, sono otto operai della Bienne Sud, fabbrica dell'indotto Fiat che si occupa di verniciatura.

Hanno un contratto interinale in scadenza il 31 dicembre e temono di rimanere senza lavoro. Bienne Sud sta trattando con Dr Motor, a un passo dall'acquisire lo stabilimento Fiat, per avviare rapporti di fornitura per le nuove auto che l'azienda molisana intende produre a Termini Imerese. In Bienne lavorano 87 persone (compresi gli 8 interinali) per la maggior parte dei quali si prospettano lunghi periodi di cassa integrazione.

Registriamo la disponibilità di Fiat che, per la prima volta, conferma la volontà di concedere incentivi alla mobilità". Lo ha detto l'assessore regionale siciliano alle Attività produttive, Marco Venturi, al termine del tavolo tecnico che si è svolto oggi a Roma, al ministero dello Sviluppo economico. "Il Lingotto ha necessità di avere numeri certi, e questi si avranno entro lunedì. Di certo - ha aggiunto - il governo siciliano vigilerà per tutelare i lavoratori dello stabilimento di Termini Imerese che nessuno, neanche la Fiat, può permettersi di trattare differentemente da altri operai dello stesso gruppo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Termini, protesta degli operai Fiat: otto di loro s'incatenano al Municipio

PalermoToday è in caricamento