L'omicidio davanti alla discoteca, il giorno dei funerali di Paolo: lutto cittadino a Cinisi e Terrasini

L'ultimo saluto al giovane, ucciso vicino al Millennium, in piazza Vittorio Emanuele Orlando, a Cinisi. A celebrare la liturgia l'arcivescovo di Monreale Michele Pennisi. L'appello della famiglia La Rosa sui social: "Invece di comprare fiori, fate una donazione"

Paolo La Rosa in pizzeria

Lutto cittadino oggi a Cinisi e Terrasini. I sindaci Giangiacomo Palazzolo e Giosuè Maniaci, dopo l'omicidio di Paolo La Rosa, hanno firmato l'ordinanza in segno di cordoglio e rispettosa partecipazione al dolore della famiglia. I funerali, a differenza di quanto comunicato inizialmente non si terranno alle 15.30 nella chiesa di Piano Peri, a Cinisi, ma in piazza Vittorio Emanuele Orlando: così è stato deciso per motivi di ordine pubblico. A presiedere la liturgia sarà l'arcivescovo di Monreale Michele Pennisi. Per volontà dei genitori, la camera ardente è stata allestita alle 19 di ieri sera all'interno del ristorante Grace e rimarrà aperta fino alle 15. 

Nasce il comitato amici di Paolo: "Ci costituiremo parte civile al processo"

"L'evento ha colpito profondamente la comunità - si legge nell'ordinanza del sindaco di Terrasini - suscitando smarrimento e sgomento per la prematura e tragica scomparsa e il dolore della famiglia è diventato dolore condiviso. Per questo le bandiere negli edifici comunali saranno esposte a mezz'asta e i cittadini sono invitati ad esprimere la loro partecipazioneevitando comportamenti che contrastino con lo spirito del lutto". A Cinisi, il sindaco Palazzolo oltre a proclamare il lutto cittadino ha sospeso i festeggiamenti per il Carnevale di Cinisi.

La famiglia di Paolo ha lanciato un appello ad amici e residenti, attraverso il profilo della sorella minore del 21enne: "E' nostro desiderio che invece di comprare fiori, facciate una donazione libera in una cassetta a disposizione, a casa e poi in chiesa, di chiunque desidererà contribuire. Il tutto verrà devoluto al reparto di Oncologia pediatrica dell’ospedale Civico di Palermo. Ogni sorriso che regaleremo, sarà un sorriso per Paolo".

Si tratta del secondo messaggio postato su Facebook. Lunedì scorso i familiari avevano chiesto alla comunità di "lasciare lavorare i carabinieri. Di non generare altro odio e violenza perché già ce ne è stata troppa e noi ne stiamo piangendo le conseguenze. Giustizia, questo è ciò che vogliamo, giustizia vera! Vi chiedo, invece, di pregare per Paolo e tutta la famiglia e di vivere la vostra vita con gioia e amore, come Paolo avrebbe fatto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per l’omicidio di Paolo La Rosa è stato fermato Alberto Mulè, mentre il cugino Filippo Mulè è stato per favoreggiamento (lo avrebbe aiutato a nascondersi). Quest'ultimo è stato fermato per un tentato omicidio di settembre scorso, a Magaggiari.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Strage Capaci, Emanuele Schifani e quel papà mai conosciuto: "Non provo odio ma tanta rabbia"

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

Torna su
PalermoToday è in caricamento