Cronaca Libertà / Via della Libertà

Investì e uccise una donna in via Libertà, chiesti quattro anni di carcere

Questa la proposta avanzata dal pm per Pietro Sclafani. C'era lui alla guida del furgone che travolse Tania Valguarnera. Non aveva assunto droghe e non era al cellulare. Deve rispondere di omicidio colposo e omissione di soccorso

Il sostituto procuratore Renza Cescon ha chiesto la condanna a quattro anni di reclusione per Pietro Sclafani, l'uomo accusato di aver ucciso Tania Valguarnera, una giovane scultrice che stava andando a lavorare in un call center, investendola con il suo furgoncino il 17 maggio dell'anno scorso in via Libertà. Sclafani risponde di omicidio colposo e omissione di soccorso, perché anziché aiutare la vittima, l'avrebbe lasciata inerme sull'asfalto e sarebbe fuggito. Il reato di omicidio stradale non era stato ancora introdotto quando avvenne il terribile incidente.

Il processo, che si svolge con l'abbreviato, è stato bloccato per più di un anno in attesa che la Consulta si pronunciasse su una questione legata alla responsabilità civile. Il 23 gennaio la parola passerà agli avvocati Ennio Tinaglia, Renato Bocina e Giuseppe Di Gesare, che rappresentano la famiglia della giovane, che si è costituita parte civile e poi si dovrebbe arrivare rapidamente alla sentenza.

VIDEO: Dopo l'incidente i pedoni tornano fantasmi

Sclafani - che nel frattempo è stato scarcerato - venne arrestato poche ore dopo l'incidente, individuato grazie alle telecamere di sorveglianza di via Libertà. Si ipotizzò che potesse essere sotto l'effetto di droghe mentre guidava, ma i test lo hanno poi escluso. Così come da alcune perizie sarebbe emerso che l'uomo non superasse i cinquanta chilometri orari e dunque l'incidente non sarebbe stato provocato dall'alta velocità.

La morte di Tania, Sclafani resta in carcere
VIDEO: L'abito da sposa per l'addio a Tania
otrebbe interessarti: http://www.palermotoday.it/cronaca/incidente-stradale/tania-valguarnera-pietro-sclafani-carcere.html

Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/PalermoToday/11563215519520Infine, i tabulati telefonici avrebbero chiarito che al momento dell'impatto Sclafani non fosse al cellulare, scartando quindi anche l'ipotesi di una distrazione. Il giorno in cui Tania Valguarnera, che pochi mesi dopo avrebbe dovuto sposarsi, venne uccisa, in città pioveva. La visibilità però era buona e la ragazza aveva anche un ombrello molto vistoso. Difficile capire cosa sia accaduto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Investì e uccise una donna in via Libertà, chiesti quattro anni di carcere

PalermoToday è in caricamento