menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Nino Di Matteo

Nino Di Matteo

Dopo 40 anni omicidio Mattarella avvolto nel buio, Di Matteo: "Ancora possibile scoprire killer"

L'anniversario dell'uccisione dell'ex Presidente della Regione. Per il componente del Csm "è doveroso fare ogni sforzo possibile". Intanto il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, si è recato al cimitero di Castellammare del Golfo per ricordare il fratello

"E' ancora possibile tentare di dare un nome e un volto al killer di Piersanti Mattarella". Lo ha detto all'Adnkronos Antonino Di Matteo, componente del Csm, alla vigilia del 40esimo anniversario della uccisione dell'ex Presidente della Regione siciliana Piersanti Mattarella. "E' doveroso che si faccia ogni sforzo possibile per verificare se,come riteneva probabile Giovanni Falcone - dice Di Matteo - quel delitto rappresentò il primo, eclatante, esempio di una saldatura criminale tra gli interessi mafiosi e quelli della destra eversiva che anche in epoca successiva ha prodotto le sue nefaste conseguenze".

Parla il nipote: "Ha rifiutato l’appoggio degli impresentabili"

"La magistratura, ancora oggi e in futuro, deve compiere il massimo sforzo nella consapevolezza che una verità parziale è pur sempre una verità negata", conclude Di Matteo.

Agueci: "Credo nella pista neofascista"

Questa mattina intanto il Capo dello Stato Sergio Mattarella si è recato al cimitero di Castellammare del Golfo per ricordare il fratello Piersanti, il Presidente della Regione siciliana ucciso il 6 gennaio 1980 davanti agli occhi della moglie. Con il Presidente della Repubblica c'erano anche i tre figli, Bernardo Giorgio, Laura e Francesco, oltre ai due figli di Piersanti Mattarella, Bernardo e Maria, quest'ultima segretario generale della Regione siciliana. Una visita, che vede solo la partecipazione della famiglia, che avviene alla vigilia del 40esimo anniversario dell'omicidio. Poi il Capo dello Stato è tornato a Palermo.

"La mafia non fa agire due fascisti per ucciderlo..."

Domani, per ricordare la figura di Piersanti Mattarella, l'Assemblea regionale siciliana terrà alle 11.30 una seduta solenne a Sala d'Ercole alla presenza del Capo dello Stato Sergio Mattarella. Sono previsti gli interventi del presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè e del governatore Nello Musumeci. Alle 9, in via Libertà sul luogo dell'omicidio, saranno deposte corone di fiori da parte delle autorità e alle 9.30 il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, con una cerimonia, intitolerà il Giardino Inglese "Parco Piersanti Mattarella - Giardino all'Inglese". Sarà anche collocata nel parco una lapide in memoria dell'ex Governatore. Ma il Capo dello Stato parteciperà solo alla cerimonia solenne all'Ars. Mentre i familiari di Piersanti Mattarella saranno sia in via Libertà che al Giardino Inglese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento