menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le forze dell'ordine sul luogo del delitto

Le forze dell'ordine sul luogo del delitto

Omicidio di piazza Lolli, chiesto l'ergastolo per il killer del benzinaio

Il pm Ennio Petrigni vuole il massimo della pena per Mario Di Fiore, 61 anni, accusato della morte di Nicola Lombardo. L'omicidio scaturì da un'accesa discussione per via del prezzo della super ritenuto troppo caro

Chiesto l’ergastolo per l’omicida di piazza Lolli. Il pm Ennio Petrigni ha chiesto il massimo della pena per il 61enne Mario Di Fiore, il pensionato che premette il grilletto per un pieno ritenuto troppo caro. Fu lui che dopo un’accesa discussione con il benzinaio sul prezzo della super premette il grilletto della sua pistola calibro 7,65 detenuta illegalmente, uccidendo così Nicola Lombardo. Proprio per l’aggravante dei futili motivi, e nonostante il processo con rito abbreviato, non è stato previsto alcuno sconto sulla condanna.

IL QUESTORE: "PENSAVA DI ESSERE STATO TRUFFATO"

Nel giugno scorso l’intera zona e la città furono scosse da quell’omicidio. Dopo l’accaduto le forze dell’ordine avviarono le ricerche per risalire al colpevole. Sul momento Di Fiore (nella foto in basso) riuscì ad allontanarsi a bordo della sua Fiat Uno, prima di essere rintracciato e arrestato. Gli uomini della Squadra mobile, infatti, grazie alle telecamere di videosorveglianza erano riusciti a ricostruire parzialmente la targa dell’auto. Il reo confesso, difeso dell’avvocato Giuseppe Avarello, litigò con il dipendente del distributore e - come ricostruito dagli investigatori - lo ferì mortalmente alle spalle mentre si allontanava.

Aveva acquistato quell’arma, detenuta però illegalmente, a seguito di due rapine che aveva subito. Dopo la fuga e il fermo Di Fiore venne interrogato a lungo. Solo allora scoprì che Lombardo era deceduto in ospedale qualche ora dopo. "Ho saputo che era sposato e aveva due figli, sono distrutto", dichiarò nel faccia a faccia con il giudice. Segnali di un pentimento tardivo di cui, forse, non avrebbe tenuto conto il pm di fronte al giudice per le udienze preliminari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento