Cronaca

"Non lo sopportavo più": palermitano uccide a fucilate il vicino

Arrestato per omicidio, a Perugia, Antonio Catalano, 58 anni. La confessione ai poliziotti: "Gli ho sparato due botte a Mirco... ho fatto una cavolata"

L'omicidio di Perugia - foto PerugiaToday

"Gli ho sparato due botte a Mirco... ho fatto una cavolata". Prima l'omicidio, poi la confessione. Sono state queste le prime parole che ha detto Antonio Catalano, 59 anni, palermitano, arrestato per il delitto commesso mercoledì a Perugia, quando è arrivata la polizia nella sua abitazione. Alcuni testimoni lo avevano sentito dire, pochi minuti dopo l'omicidio di Paggi, "non lo sopportavo più... abbiamo litigato di nuovo".

Palermitano uccide il vicino a Perugia

Reo confesso, con tanto di arma - una sorta di lupara, dunque un fucile a canne mozze - il palermitano è stato ascoltato prima a casa sua, durante il tempo che la Scientifica effettuava i prelievi e le analisi di rito, e poi in Questura alla presenza del magistrato Pm Annamaria Greco. Alla fine è stato arrestato dalla polizia per omicidio, inoltre, secondo la Questura, gli sono stati contestati anche il possesso illegale e l'alterazione dell'arma - le canne mozzate - e il possesso di munizioni.

Catalano non poteva detenere regolarmente l'arma dato che in passato è stato inquisito. I colpi esplosi sarebbero due, ma si attende per fare chiarezza il referto dell'autopsia ufficiale disposto dal magistrato. Massimo riserbo ancora sui motivi della lite. Tra i due c'era da tempo un rapporto conflittuale e al vaglio degli inquirenti ci sarebbero delle denunce nell'ultimo periodo. Ma la Questura non conferma. Nel momento della sparatoria in casa c'era il figlio minorenne - 16 anni - che una volta uscito di casa ha visto il padre sconvolto e gli ultimi atti di vita di Mirco. 

Il palermitano ha chiamato i soccorsi e raccontato nei minimi particolari la vicenda. Ma nonostante le spiegazioni non tutto è chiaro. Catalano, che è assistito dagli avvocati Bellucci e Brunori, è stato condotto nel carcere di Capanne.

"A suo dire la vittima lo aveva minacciato di uccidergli il figlio sedicenne se non gli avesse dato dei soldi - spiega il quotidianodellumbria.it -. Luogo del delitto la zona di Ponte D'Oddi, dove i due vivevano e si conoscevano ma erano divisi da motivi passionali per una donna straniera ma anche per piccoli ricatti perpetrati dalla vittima sulle attività, poco chiare, di Catalano".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non lo sopportavo più": palermitano uccide a fucilate il vicino

PalermoToday è in caricamento