rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Brancaccio

L'omicidio a Brancaccio, la confessione: "L'ho visto e gli ho sparato, non voleva che stessi con sua figlia"

Il racconto di Alessandro Sammarco, 19 anni, che ora si trova in stato di fermo per l'uccisione di Natale Cavarello: "Avevo paura di una sua reazione e per questo avevo con me la pistola. L'ho incontrato per caso e ho aperto il fuoco, ho fatto un guaio grosso". Ma restano delle perplessità sulla dinamica

"Ho fatto un guaio grosso", è così che in lacrime ieri sera Alessandro Sammarco, 19 anni, avrebbe detto al suo avvocato, prima di confessargli di aver ucciso a colpi di pistola Natale Caravello, 46 anni, in via Pasquale Matera a Brancaccio. La colpa delle vittima - pregiudicata per una serie di rapine - sarebbe stata quella di aver ostacolato la relazione di una delle sue figlie proprio con il giovane.

Sammarco, imparentato con dei pregiudicati per mafia e che è difeso dall'avvocato Corrado Sinatra, si è così costituito ieri sera poco dopo il delitto alla caserma Carini dei carabinieri ed è stato poi interrogato fino alle 3 alla squadra mobile dal pm di turno, il sostituto procuratore Gianluca De Leo. Avrebbe ammesso le sue responsabilità e per lui è quindi scattato il fermo, che dovrà essere convalidato nelle prossime ore.

Visti i precedenti di Caravello, ieri sera non era stata scartata del tutto l'ipotesi di un delitto maturato per altri motivi, ma come ormai sta capitando sempre più spesso a Palermo, dietro agli ultimi omicidi ci sono motivi passionali o davvero futili. Sammarco, che ha già avuto a che fare con la giustizia da minorenne, ma per reati molto lievi, come la guida senza patente, aiuta il nonno nella gestione di una bottega a Ballarò. Nulla lasciava presagire che potesse arrivare a compiere un gesto simile.

Agguato a Brancaccio: le immagini dal luogo dell'omicidio | Il video

Secondo la sua versione, Caravello non avrebbe gradito il rapporto tra lui e una delle figlie e - anche se non ci sarebbero stati incontri tra l'indagato e la vittima in tempi recenti - il giovane avrebbe temuto una reazione da parte dell'uomo. Ed è per questo - così avrebbe raccontato al pm - che sarebbe andato in giro armato. Ieri sera intorno alle 20, per puro caso - sostiene il giovane - avrebbe incrociato Caravello e, senza pensarci troppo, avrebbe tirato fuori la calibro 22 che aveva con sé e gli avrebbe sparato.

In base al suo racconto il delitto sarebbe avvenuto mentre entrambi erano a bordo dei loro rispettivi scooter. Una dinamica che suscita molte perplessità, anche perché Sammarco ha sostenuto di non aver preso la mira. Eppure Caravello sarebbe stato colpito alla testa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'omicidio a Brancaccio, la confessione: "L'ho visto e gli ho sparato, non voleva che stessi con sua figlia"

PalermoToday è in caricamento