menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La polizia al Goa il giorno dopo l'omicidio

La polizia al Goa il giorno dopo l'omicidio

Omicidio Naro, udienza preliminare rinviata: la difesa vuole prima vedere i video

E' stata spostata al 25 maggio. Gli avvocati degli indagati hanno chiesto di visionare le immagini riprese dalle telecamere di sicurezza interna

Rinviata a fine maggio l’udienza preliminare per l’omicidio di Aldo Naro. I legali difensori dei 13 indagati per la rissa che portò alla morte del giovane medico di San Cataldo hanno chiesto e ottenuto la posticipazione dell’udienza per visionare le immagini delle videocamere interne al Goa, la discoteca dello Zen trasformatasi in scena del delitto il 14 febbraio 2015. Gli indagati sono coinvolti a vario titolo e accusati di rissa e favoreggiamento.

AUDIO - LE TELEFONATE SHOCK AL 118

A metà novembre dello scorso anno, dopo le lunghe indagini, il diciassettenne ritenuto responsabile della morte di Aldo Naro per avergli sferrato il colpo mortale è stato condannato a 10 anni (pena scontata di un terzo per il rito abbreviato). Il giovane, che nel frattempo ha raggiunto la maggiore età, era stato reclutato allo Zen come buttafuori abusivo ed è stato rintracciato quattro giorni dopo l’accaduto.

LEGGI ANCHE - LA MADRE: "NON PERDONO QUESTO RAGAZZO"

A quella lite, secondo l'accusa, avrebbero partecipato anche Natale Valentino, Giuseppe Micalizzi, Antonino Basile, Carlo Salvatore Lachina, Giuliano Bonura, Giovanni Colombo, Daniele Cusimano, Mariano Russo, Francesco Troia, Pietro Covello. E’ indagato per favoreggiamento personale Massimo Barbaro, gestore della discoteca, per aver coperto il buttafuori abusivo. Stesso reato viene contestato a Francesco Meschisi, coordinatore e reclutatore dei buttafuori, sia regolari che abusivi, e Giovanni Perna, responsabile della sicurezza.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento