Cronaca

Omicidio di Massimo Pandolfo, trovata bruciata l’auto della vittima

La Citroen C3 di colore nero che apparteneva all'imprenditore di 46 anni ucciso con 40 coltellate è stata ritrovata in fiamme dai carabinieri allo Sperone. Ieri è stato fermato un ragazzo di 17 anni che ha confessato di essere l'autore dell'omicidio

La scientifica all'opera

Si colora sempre più di giallo l’omicidio di Massimo Pandolfo. I carabinieri hanno trovato in fiamme l'auto che apparteneva all’imprenditore di 46 anni ucciso il 25 aprile scorso con 40 coltellate nei pressi del Teatro del Sole, ad Acqua dei Corsari.

La vettura, una Citroen C3 di colore nero, era in via Salvatore Cappello, una traversa di viale dei Picciotti, allo Sperone. Per spegnere l'incendio sono intervenuti i vigili del fuoco, sono intervenuti anche i carabinieri della scientifica.

L'auto è parzialmente distrutta. Ieri è stato fermato un ragazzo di 17 anni che ha confessato di essere l'autore dell'omicidio, maturato nel mondo della prostituzione omosessuale (GUARDA IL VIDEO). Per il pm Geri Ferrara, che conduce l'inchiesta, ci sono tuttavia diversi aspetti da chiarire; secondo gli inquirenti, infatti, il minore non avrebbe potuto agire da solo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio di Massimo Pandolfo, trovata bruciata l’auto della vittima

PalermoToday è in caricamento