Omicidio di Pagliarelli, un sms sul cellulare per attirare Manzella nella trappola

Proseguono le indagini sulla tragica fine del 34enne, ucciso con un colpo di pistola in auto. Qualcuno lo avrebbe "spinto" verso via Gaetano Costa chiedendogli della droga. Sotto la lente i tabulati e le celle agganciate dal suo smartphone

La Scientifica durante i rilievi sull'auto di Manzella - foto Campolo

Qualcuno potrebbe avergli teso una trappola, inviandogli un messaggio sul cellulare per chiedere la consegna a domicilio di cocaina così da attirarlo lì dove voleva il killer. Proseguono le indagini sull’omicidio di Francesco Manzella, ucciso con un colpo di pistola alla testa mentre si trovava ancora dentro la sua Volkswagen Golf. L’auto e il cadavere sono stati trovati in zona Pagliarelli, più precisamente in via Gaetano Costa, la strada che costeggia la Palermo-Sciacca.

Omicidio nella notte: Francesco Manzella ucciso con un colpo di pistola alla testa in via Gaetano Costa
Ucciso in auto a due passi dal Pagliarelli | VIDEO

I primi indizi hanno portato la Squadra Mobile a scavare nel passato del 34enne che ha dei precedenti di polizia per furto e rapina. Le attenzioni degli investigatori, che hanno ascoltato i familiari di Manzella, si sono spostate sul mondo della droga. Le conferme sul fatto che spacciasse sarebbero arrivate anche dalla moglie: ormai aveva probabilmente capito cosa facesse suo marito, che usciva e rientrava a tutte le ore del giorno, e avrebbe anche trovato della "polvere bianca" in casa.

Dopo aver messo insieme i primi pezzi del puzzle gli inquirenti hanno deciso acquisire i tabulati di Manzella e le celle agganciate dal suo cellulare per ricostruire il percorso fatto dalla vittima al volante della Polo. Quei dati potranno servire per chiarire da chi sia arrivata la richiesta di droga e scoprire i nomi delle ultime persone che sono state in contatto con il 34enne. Una mossa che permetterà agli inquirenti di stringere il cerchio e avere una lista di potenziali indiziati.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Normale amministrazione funeraria per gente bassolocata nei bassifondi della società refrattaria ai princîpi dell'onestà!

  • È una Volkswagen Polo, non una Golf come avete scritto

    • Esatto.. e nuova di zecca.

  • Chi di robaccia ferisce, di robaccia perisce.

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    Mi dispiace che la moglie non e arrivata in tempo a capire il lavoro che svolgeva il marito. Sicuramente se la signora sarebbe intervenuta in tempo il marito non faceva questa fine. Signore occhi aperti specialmente quando il marito non lavora e i soldi sbucano dal nulla.

    • Avatar anonimo di Senzapaura
      Senzapaura

      Mi dispiace che la moglie non sia arrivata in tempo a capire il lavoro che svolgeva il marito. Sicuramente se la signora sarebbe intervenuta in tempo il marito non faceva questa fine. Signore occhi aperti specialmente quando il marito non lavora e i soldi sbucano dal nulla.

  • sentite condoglianze alla sua famiglia perbene

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Il camionista palermitano che sognava una strage in nome dell'Isis: convalidato il fermo

  • Economia

    Reddito di cittadinanza, provincia di Palermo sul podio nazionale: accolte 26.204 istanze

  • Cronaca

    "Calmi, nessuno si farà male": con le tute da imbianchino e la pistola rapinano Carrefour

  • Cronaca

    Villabate, furto in chiesa durante la Settimana Santa: rubati il pc del parroco e le offerte

I più letti della settimana

  • "Mi stanno ammazzando": i boia spaccavano le ossa nella stanza degli orrori di via Imera

  • La banda dei falsi incidenti: mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, 42 arresti

  • Mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, i nomi degli arrestati

  • Omicidio in zona via Notarbartolo, strangola la compagna dopo una lite e si costituisce

  • Tragico incidente in auto, morto ragazzo palermitano di 20 anni

  • Uccisa dal compagno perché si è rifiutata di fare sesso: "L'ho strozzata con tutta la forza"

Torna su
PalermoToday è in caricamento