Cronaca

L'omicidio di Pippo u soldato, il caso si riapre: liberi i due fratelli indagati

Gli indizi raccolti dai pm non sono stati ritenuti sufficienti per la conferma del carcere. Restano in libertà Salvatore e Vincenzo Di Pisa, accusati dell'omicidio di Giuseppe Filippello, assassinato nel 1993 a Palazzo Adriano

Gli indizi raccolti dai pm non sono stati ritenuti sufficienti per la conferma del carcere. Restano liberi Salvatore e Vincenzo Di Pisa, due fratelli di Prizzi accusati dell'omicidio di Giuseppe Filippello, assassinato nel 1993 a Palazzo Adriano. La Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso della Procura contro la decisione del tribunale del Riesame di scarcerare i due indagati finiti in cella nei mesi scorsi.

Un cold case che sembrava risolto dopo venticinque anni e che invece si riapre. Giuseppe Filippello fu freddato a Palazzo Adriano la sera del 10 marzo 1992 mentre stava rincasando. La vittima aveva 45 anni. Per l'omicidio di Pippo u soldato - così era nota la vittima in paese - lo scorso 3 luglio furono arrestati i due fratelli Di Pisa, rispettivamente di 57 e 55 anni, pregiudicati, titolari di una concessionaria di auto usate, nella vicina Prizzi. "Appena due notti prima dell’omicidio - avevano spiegato i carabinieri - nella concessionaria dei due fratelli Di Pisa erano state danneggiate 11 autovetture. L'autore sarebbe stato proprio Filippello, che si sarebbe così vendicato delle pesanti pressioni e minacce subite dai Di Pisa, dopo che aveva acquisito alcuni terreni in una contrada del comune di Palazzo Adriano". I fratelli avrebbero così deciso di punire Filippello, aprendo il fuoco e uccidendolo.

"Tu si chiddu ca ammazzò Pippo U Soldato" | Le intercettazioni

Filippello, 45 anni, fu crivellato da un colpo di fucile calibro 12 mentre si apprestava a tornare nella propria abitazione di Palazzo Adriano, paese noto alle cronache per essere stato il naturale set del film Oscar “Nuovo Cinema Paradiso” (il paese è stato poi sciolto per mafia nell’ottobre 2016). Rosalia Di Pisa, sorella dei due indagati intercettata, mentre era in caserma insieme ai fratelli per essere interrogata, disse: "A Filippello tu lo isti ad ammazzari. A quello l'ha fatto girare e gli ha sparato... il bello è che il motivo lo avevano... due giorni prima era successo quello che era successo... più di una volta lo avevano minacciato a quello". Le lunghe indagini avevano portato i carabinieri verso i fratelli Di Pisa. Ma adesso il caso si è riaperto e i due indagati sono tornati liberi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'omicidio di Pippo u soldato, il caso si riapre: liberi i due fratelli indagati

PalermoToday è in caricamento