Omicidio al Cep, preso l'assassino del carpentiere: è lo zio

La Squadra Mobile ha eseguito un fermo nei confronti di Giuseppe Lombardino, 62 anni. Il delitto per "questioni legate al consumo di stupefacenti". Un omicidio "per sbaglio", visto che il bersaglio era un altro uomo: Carmelo Testagrossa. Ruperti: "Depistaggio dei parenti"

Ad uccidere Francesco Paolo Lombardino, il 47enne carpentiere del Cep ferito mortalmente da alcuni colpi di arma da fuoco venerdì scorso, è stato lo zio. E' questa la conclusione alla quale è giunta la Squadra Mobile, che su disposizione del sostituto procuratore Amelia Luise e dell'aggiunto Ennio Petrigni, nella tarda serata di ieri ha eseguito un fermo di indiziato di delitto nei confronti di Giuseppe Lombardino, 62 anni il primo gennaio. Sarebbe lui l'autore dell'omicidio. Un omicidio "per sbaglio" visto che il bersaglio dei colpi sparati da Lombardino non sarebbe stato il nipote, ma un altro uomo: Carmelo Testagrossa.

Ruperti: "Depistaggio dei parenti pure sul luogo del delitto"

Gli inquirenti hanno chiarito i contorni di una vicenda che era diventata un vero e proprio rompicapo a causa, sostiene la Questura in una nota, di "informazioni false e reticenti, che hanno reso difficile persino la scoperta del luogo dove l’assassinio era accaduto". Gli investigatori, però, con un paziente lavoro di analisi, hanno superato le false indicazioni rese tra gli altri dai parenti della vittima e hanno ricostruito l’accaduto. "E' stato un caso particolarmente complesso - dice il capo della squadra mobile Rodolfo Ruperti - perchè sin dall'inizio i familiari della vittima hanno deliberatamente depistato le indagini, ma alla fine siamo riusciti a ricostruire cosa era realmente accaduto. E' stato un vero e proprio depistaggio, ma il loro piano è fallito...". Determinanti alcune intercettazioni. "I familiari avevano provato a portarci lontano - prosegue Ruperti - ci avevano indicato un luogo, quello del ferimento, che era distante addirittura un chilometro dalla strada dove erano realmente avvenuti i fatti. Il vero luogo dell'omicidio lo abbiamo dovuto scoprire noi da soli dopo più di sei ore". lombardino giuseppe-3

Dalle informazioni rese note dalla polizia, l'omicidio di Lombardino sarebbe avvenuto nell'ambito di una contesa tra lo zio Giuseppe Lombardino (nella foto) e Carmelo Testagrossa per questioni legate al consumo di stupefacenti. Testagrossa, pregiudicato per droga, sarrebbe prima stato ferito a coltellate. Poi, nella notte tra il 26 e il 27 dicembre, Testagrossa sarebbe nuovamente stato reso di mira, sopravvivendo ad una nuova aggressione. Durante la lite, Giuseppe Lombardino avrebbe sparato alcuni colpi di pistola nei confronti di Testagrossa: l'uomo sarebbe riuscito a mettersi al riparo, ma le pistolettate hanno ferito a morte Francesco Paolo Lombardino, nipote di Giuseppe. 

Gli spari sono stati esplosi nei pressi di piazza Benvenuto Cellini, vana la corsa all'ospedale Cervello da parte dei parenti, che tuttavia sarebbe stata tardiva. La mancata chiamata al 118 sarebbe stata quindi fatale: è quanto avrebbe accertato l’autopsia condotta all’istituto di medicina legale al Policlinico. "Se solo avessero chiamato il 118 - dicono gli investigatori - Lombardino forse poteva essere salvato". Invece l'uomo è stato portato in auto al pronto soccorso dell'ospedale e lasciato lì. Ma ormai aveva perso troppo sangue ed è morto dissanguato per il proiettile che lo ha raggiunto all'inguine.

Giuseppe Lombardino, riferiscano ancora gli investigatori, era già pronto per la latitanza. Gli uomini della Squadra mobile, diretti da Rodolfo Ruperti, lo hanno infatti trovato a casa di un amico, dove si era rifugiato portandosi dietro un borsone per una fuga. Ma la sua fuga è finita subito, perché gli inquirenti sono riusciti a scovare il covo in cui si era nascosto "grazie alla complicità di alcuni parenti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il "re del pollo fritto" arriva a Palermo, apre il colosso Kfc: 40 nuovi posti di lavoro

  • Stretta anti covid, ecco l'ordinanza: mascherine all'aperto, divieto di stazionare in strada

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Giorgia Davì, la baby modella che porta un po' di Palermo alla Milano Fashion Week

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento