L'omicidio di Carini, tracce di acido sul volto e sulla bocca della donna uccisa

Una siringa con la sostanza corrosiva è stata trovata sul luogo dell'omicidio. Gli investigatori sospettano che l'uomo volesse sfregiarla. Intanto il gip ha convalidato il fermo di Marco Ricci, l'ex marito della vittima Anna Scavo

L'arrivo dei carabinieri dopo l'omicidio a Carini

Si aggrava la posizione di Marco Ricci, l'uomo che sabato scorso ha ucciso l'ex moglie a Carini. Sul luogo del delitto infatti è stata trovata una siringa con dell'acido all'interno. La sostanza, ha accertato il medico legale, era anche sul volto e all'interno della bocca della vittima. Questa circostanza fa pensare che l'uomo abbia tentato di sfregiare la vittima, Anna Scavo.

Intanto il gip - su richiesta del procuratore aggiunto Annamaria Picozzi - ha convalidato il fermo di Ricci. Resta dunque in carcere l'uomo accusato dell'omicidio della 36enne. I carabinieri nei giorni scorsi hanno notificato un provvedimento di fermo d'indiziato di delitto emesso dalla Procura nei confronti del 42enne che davanti al giudice non ha reso alcuna dichiarazione. In attesa di acquisire l'esito dell'autopsia, per cui ci vorranno circa 60 giorni, proseguono le indagini della Procura e dei carabinieri.

"Grande lavoratrice morta ingiustamente" | VIDEO

La versione dei fatti fornita dall'uomo e dal figlio, testimone del delitto, "è risultata incongruente - come hanno ricostruito dal Comando provinciale - con le successive risultanze investigative, frutto di un minuzioso sopralluogo eseguito dalla sezione Investigazioni scientifiche". La tragedia si è consumata nel negozio di calzature Ferrante di corso Italia in cui la donna lavorava come commessa. Lì dove, ricostruiscono i carabinieri "Ricci l'aveva aggredita con un taglierino alla presenza del figlio minore".

Gli inquirenti hanno anche trasmesso il fascicolo alla procura dei minori perché valuti la posizione dell'adolescente. L'indagine è coordinata, oltre che dall'aggiunto, dalle pm Maria Rosaria Perricone e Giulia Beux.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Stress? Rabbia? Arriva a Palermo la Rage Room, la stanza dove puoi spaccare tutto

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

Torna su
PalermoToday è in caricamento