Cronaca

Roberta e le altre vittime dell'amore malato, Scavone: "Potenzieremo sistema di protezione"

Dopo l'omicidio a Caccamo della 17enne Roberta Siragusa, l'assessore alle Politiche sociali della Regione convoca il Forum contro la violenza di genere: "Voglio capire se qualcosa non ha funzionato o se sia necessario apportare delle modifiche"

"Oggi abbiamo 21 centri antiviolenza, 37 strutture a indirizzo segreto e 31 sportelli di ascolto ma, nonostante questo, ancora una volta le cronache ci parlano di fatti tragici che coinvolgono donne, a volte poco più che adolescenti, vittime di tragici eventi". A fare l'amara constatazione è l'assessore alle Politiche sociali della Regione, Antonio Scavone, che interviene dopo il caso dell'omicidio Roberta Siragusa, la ragazza diciassettenne di Caccamo uccisa e gettata in un burrone. 

Scavone annuncia di avere convocato in videoconferenza per martedì prossimo alle 11 il Forum contro la violenza di genere per "capire se qualcosa nel sistema non ha funzionato o se sia necessario apportare delle modifiche che possano individuare con maggiore tempestività il rischio". 

"C'è un lavoro costante che il governo Musumeci sta portando avanti da anni - continua l'assessore - che ha visto un forte ampliamento delle strutture regionali per la presa in carico delle donne vittime di abusi e, nelle situazioni di particolare emergenza, per il loro ricovero immediato. Con gli addetti ai lavori, con chi vive quotidianamente l'esperienza delle donne vittime di abusi - precisa Scavone - martedì cercheremo di aggiungere ancora qualcosa al nostro sistema di protezione perché evidentemente qualcosa va aggiunto perché non succedano più fatti come quello di Roberta. Tra l'altro – conclude l'esponente del governo Musumeci - il periodo di pandemia che stiamo vivendo costringe le persone a convivenze, a volte forzate, e proprio in questa fase con l'emergenza coronavirus che dobbiamo alzare al massimo il livello di guardia e fare capire a chi vive situazioni a rischio che a volte è sufficiente alzare il telefono perché si metta in moto il nostro sistema di protezione”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roberta e le altre vittime dell'amore malato, Scavone: "Potenzieremo sistema di protezione"

PalermoToday è in caricamento