rotate-mobile
Cronaca Politeama

Omicidio alla Vucciria, il Riesame rigetta i ricorsi: restano in cella i fratelli Romano

No dei giudici alle istanze presentate dai due indagati Domenico e Matteo, accusati di aver ucciso a colpi di pistola Emanuele Burgio, la sera del 30 maggio. Il figlio del primo, Giovanni Battista, sotto inchiesta pure lui per il delitto, aveva rinunciato a fare appello

Restano in cacere Matteo e Domenico Romano, i due fratelli accusati - assieme al figlio del secondo, Giovanni Battista - di aver ucciso a colpi di pistola Emanuele Burgio, il 30 maggio alla Vucciria. Il tribunale del Riesame ha infatti respinto i ricorsi presentati dai loro avvocati, Antonio Turrisi e Giovanni Castronovo. Il terzo indagato, assistito dall'avvocato Vincenzo Giambruno, aveva invece rinunciato a presentare l'istanza di scarcerazione.

Contro i tre - imparentati peraltro con Davide Romano, il boss trovato incaprettato nel 2011 in via Titone - ci sono soprattutto le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza: una di queste, piazzate proprio in via dei Cassari, ha registrato il delitto in diretta. Secondo la squadra mobile, guidata da Rodolfo Ruperti, il filmato riprenderebbe nitidamente Giovanni Battista Romano mentre prende la pistola da dietro la schiena e la passa allo zio Matteo, che materialmente apre il fuoco contro Burgio (che era figlio di un condannato per mafia, Filippo, attualmente detenuto).

Domenico Romano è l'unico ad aver risposto alle domande del gip Piergiorgio Morosini, durante l'interrogatorio di garanzia. L'indagato ha spiegato che ci sarebbero stati degli screzi nei giorni precedenti tra suo figlio Giovanni Battista e la vittima. Che la sera dell'omicidio, a suo dire, sarebbe stato proprio Burgio a cercare lo scontro che poi si era concluso nel più tragico dei modi.

Le indagini, coordinate dal procuratore aggiunto Salvatore De Luca e dai sostituti Giovanni Antoci e Gaspare Spedale, proseguono anche se - a dispetto dei legami famigliari di indagati e vittima - si tende ad escludere la pista mafiosa. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio alla Vucciria, il Riesame rigetta i ricorsi: restano in cella i fratelli Romano

PalermoToday è in caricamento