Caso Agostino, barba e misteri: "Dopo 28 anni né verità, né giustizia"

Cerimonia per ricordare l'agente ucciso con la moglie, il 5 agosto del 1989. Tra i presenti Vincenzo Agostino: da 28 anni non si taglia la barba e ha giurato di non farlo fino a quando non saranno in cella gli assassini. Il duro sfogo di Flora Agostino, la sorella

Un momento della commemorazione di oggi

Un dolore lungo 28 anni. Si è svolta oggi, nel lungomare di Carini, una cerimonia commemorativa in ricordo dell'agente scelto Antonino Agostino e della moglie Ida Castelluccio, barbaramente uccisi il 5 agosto del 1989. Sul luogo dell'attentato è stato deposto un cuscino di fiori alla presenza dei familiari delle vittime e delle autorità. Tra i presenti ovviamente Vincenzo Agostino, il papà di Antonino, che da 28 anni non si taglia la barba e ha giurato di non farlo fino a quando non saranno in cella gli assassini del figlio e della nuora.

"Sono passati 28 anni dal quel terribile 5 agosto 1989, ma mi sembra ieri quando vi hanno barbaramente trucidati davanti ai nostri occhi - scrive in una lettera aperta Flora Agostino, sorella di Antonino Agostino -. Doveva essere un giorno di festa perché oltre il mio 18° compleanno dovevamo festeggiare la notizia dell'arrivo del mio primo nipotino. Appena un mese prima vi eravate sposati, avevate coronato il vostro sogno, il giorno più bello ed emozionante che una coppia possa vivere insieme, eravate raggianti e non smettevate mai di sorridere e di ringraziare mamma e papà. Ma la vostra nuova vita insieme è durata soltanto 1 mese e 5 giorni, perché delle … (non trovo aggettivi educati per descriverli) hanno deciso che un giorno di festa doveva trasformarsi in tragedia, purtroppo queste… non hanno ancora né un volto né un nome, perché dopo tantissimi anni non abbiamo avuto né giustizia né verità. Sapete, dal quel giorno mamma e papà non si sono mai fermati, hanno girato tutta l'Italia in lungo e largo affinché la vostra storia venisse conosciuta e non finisse nell'oblio come succede per le storie di tantissime altre vittime innocenti delle mafie. Nelle loro testimonianze vi è un enorme contenuto educativo, soprattutto per le generazioni dei più giovani che non hanno vissuto durante quegli anni; la loro immagine è diventata l'icona della lotta alla mafia".

La coppia fu uccisa a colpi di pistola, in un agguato mafioso, proprio mentre stavano raggiungendo la famiglia a Villagrazia di Carini per festeggiare un compleanno. Il duro sfogo di Flora Agostino continua così: "La mamma durante ogni testimonianza racconta la vostra bontà d'animo, racconta di come aiutavate i più bisognosi e dei doni che portavate agli orfanelli del Buon Pastore, il suo viso si riempe sempre di lacrime e dice sempre che se quando morirà non avrà avuto ancora verità e giustizia noi figli nella sua lapide dovremmo scrivere 'qui giace Schiera Augusta Giacoma una donna ancora in attesa di verità e giustizia anche oltre la morte'. Non sapete quanto queste parole mi feriscano e mi facciano male e soprattutto quanto, ogni volta cerco di cacciare dentro le lacrime ma non ci riesco è più forte di me".

Flora Agostino chiude così: "Cerco di andare avanti, lo faccio per la mia famiglia, per mio marito e per i miei figli Ida e Nino, sì li ho chiamati come voi... Ti ricordi l'ho promesso il giorno dei funerali che se avessi avuto dei figli li avrei chiamati come voi e così è stato, il dono più bello della mia vita, Ida è una splendida donna di 21 anni ed è cresciuta nel culto della legalità e dello zio, Nino oggi compie 16 anni. Sì oggi ... il giorno del vostro 28° anniversario, da lassù Nino hai continuato a vegliare su di noi , su di me, ed hai fatto sì che un giorno di morte si trasformasse in un giorno di vita, perché tuo nipote è nato un mese e mezzo prima del previsto ed anche lui come Ida è un ragazzo di sani principi. Sono tantissime le cose che vorrei raccontarvi e lo farò quando un giorno saremo di nuovo insieme ma una cosa voglio dirla, vi ho amati in vita e lo continuerò a fare per sempre. Flora".


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

  • Detenuto suicida in carcere, indagata per omicidio colposo la direttrice del Pagliarelli

Torna su
PalermoToday è in caricamento