Commessa uccisa a Carini, l'ex marito e il figlio di 14 anni ora rischiano il processo

Chiusa l'inchiesta sull'omicidio di Anna Maria Scavo, avvenuto il 16 giugno scorso nel negozio di scarpe dove lavorava la donna. Marco Ricci e l'adolescente le avrebbero tagliato la gola con un taglierino e le avrebbero anche sfregiato il volto con dell'acido

L'omicidio a Carini

E' stata uccisa dall'ex marito, Anna Maria Scavo, 36 anni, commessa in un negozio di scarpe di corso Italia, a Carini, ma al delitto del 16 giugno scorso avrebbe partecipato anche suo figlio, di appena 14 anni. Entrambi adesso rischiano il processo. Il procuratore aggiunto Annamaria Picozzi ed i sostituti Maria Rosaria Perricone e Giulia Beux hanno infatti chiuso le indagini sul caso e si apprestano a chiedere il rinvio a giudizio di Marco Ricci, 41 anni, mentre per il ragazzo sta procedendo la Procura dei minori.

Carini sotto shock per Anna | VIDEO

Come ha stabilito l'autopsia sul corpo della donna, a provocarne la morte è stato un taglio alla gola, che le ha reciso la giugulare. Ma nella sua bocca i medici legali hanno trovato anche ustioni determinate dall'acido: Ricci, quindi, avrebbe anche sfregiato la vittima, dalla quale si era separato nel 2018.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anna-Maria-Scavo-2Quel pomeriggio l'uomo aveva accompagnato suo figlio che doveva vedere la madre. Nel negozio di calzature vi sarebbe stata una discussione e, dopo qualche ora, Ricci aveva chiamato il 112 spiegando che la sua ex moglie stava male. Poi si era barricato nell'attività commerciale assieme al figlio. Per entrare i carabinieri dovettero chiamare i vigili del fuoco. Oltre al corpo senza vita di Anna Maria Scavo, i militari trovarono sul pavimento anche due siringhe, una con l'ago corroso: è propria lì che sarebbe stato contenuto l'acido. Ricci e il figlio (difesi rispettivamente dagli avvocati Giuseppe Siino e Paolo Grillo) furono accompagnati in ospedale, perché avevano delle lievi ferite. Lì, sentiti in due stanze diverse, fornirono però un'identica versione: sarebbe stata Anna Maria Scavo ad aggredirli per prima con un taglierino e loro si sarebbero limitati a difendersi. Ricci spiegò che il taglio sarebbe avvenuto accidentalmente e che non avrebbe avuto alcuna intenzione di uccidere la ex. Un racconto al quale gli inquirenti non hanno mai creduto.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trabia, matrimonio da incubo: sposa investita dalle fiamme durante il flambè di benvenuto

  • Covid a Palermo, medico si sfoga: "Macché complotto, tante richieste di ricovero e reparto pieno"

  • Tragico incidente in via Roma, scontro auto-moto: un morto

  • Trovato morto il sub disperso a Terrasini, cadavere recuperato sott'acqua

  • Il malore del figlio e la disperazione dei genitori, poliziotti "volano" nel traffico per salvare un giovane

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento