menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Possibile svolta sull'omicidio di Aldo Naro: "Non è morto per un singolo colpo alla nuca"

Una nuova consulenza medico legale ribalta la tesi secondo cui il giovane medico massacrato di botte la notte del 14 febbraio 2015 nella discoteca Goa sarebbe deceduto a seguito di un calcio sferrato dal minorenne Andrea Balsano: "Più traumi, violenti e reiterati"

Aldo Naro non sarebbe morto a causa di un singolo colpo alla nuca ma a causa di più traumi, violenti e reiterati. Una nuova consulenza medico legale ribalta la tesi dei consulenti della Procura della Repubblica secondo cui il giovane medico massacrato di botte la notte del 14 febbraio 2015 nella discoteca Goa di Palermo, sarebbe morto a seguito di un calcio sferrato dal minorenne Andrea Balsano.

Nei mesi scorsi i legali della famiglia Naro, gli avvocati Salvatore Falzone e Antonino Falzone, hanno affidato l’incarico di studiare l’esame autoptico a Giuseppe Ragazzi, medico chirurgo specialista in medicina legale, e a Salvatore Cicero, direttore del reparto di neurochirurgia presso l’ospedale Cannizzaro di Catania.

Ora i consulenti sono giunti alla conclusione che “le lesioni encefaliche non possono essere giustificate da un singolo colpo vibrato alla regione temporale sinistra ma sono frutto di più traumi verificatisi secondo linee di forza che hanno agito sia in direzione antero posteriore, sia postero anteriore, sia latero laterale. La gravità delle lesioni – aggiungono Ragazzi e Cicero - non può essere spiegata con un singolo colpo, il quale peraltro se avesse avuto una elevata vis lesiva, come sostenuto dai consulenti tecnici d'ufficio, avrebbe dovuto causare con elevata probabilità anche una frattura ossea sul punto di impatto”.

I consulenti scrivono ancora che “la diffusione dell’emorragia subaracnoidea è ampiamente compatibile con la classica lesione da contraccolpo, non appare riconducibile ad un singolo colpo inferto in senso latero laterale, ma piuttosto a una serie di traumi avvenuti con direzione multipla. E' molto verosimile che le lesioni istologiche rilevate al livello del tronco siano il frutto di più traumi diretti, avvenuti in stato di incoscienza, cioè in assenza di tono muscolare conseguente ad un primo trauma”. Per spiegare meglio il concetto, i consulenti ricorrono “all’esempio del KO a seguito di un singolo pugno durante un combattimento pugilistico”. 

Poi chiudono con queste parole: “Non capiamo come abbiano potuto i consulenti della Procura della Repubblica ritenere frutto di un solo trauma contusivo lesioni emorragiche tanto diffuse e gravi coinvolgenti tutto l’encefalo sia da un punto di vista macroscopico che microscopico. Una tale lesività, viceversa, non può che essere spiegata sulla scorta di traumi portati con violenta reiterazione al livello del capo”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento