Il delitto Agostino, dopo 31 anni si apre il processo: "Incastrato tra connubi mafia-intelligence"

Il poliziotto Nino Agostino e la moglie Ida vennero uccisi il 5 agosto del 1989 a Villagrazia di Carini. Chiesto il rinvio a giudizio dei boss Antonino Madonia, Gaetano Scotto e di Francesco Paolo Rizzuto, un amico dell'agente ucciso. Il padre: "Ho ancora speranza"

Nino Agostino e la moglie Ida Castelluccio,

E' il giorno dell'udienza preliminare per le richieste di rinvio a giudizio per l'omicidio dell'agente di polizia Nino Agostino e della moglie Ida Castelluccio, barbaramente uccisi il 5 agosto del 1989 a Villagrazia di Carini. Lo scorso 2 luglio, dopo 31 anni, la procura generale di Palermo ha chiesto il rinvio a giudizio dei boss Antonino Madonia, Gaetano Scotto e di Francesco Paolo Rizzuto, un amico dell'agente ucciso. I primi due rispondono di duplice omicidio, il terzo di favoreggiamento aggravato. 

Nino Agostino e la moglie, che aspettava un bimbo, furono freddati davanti al cancello della loro casa. A sparare furono due killer giunti a bordo di una moto di grossa cilindrata, poi ritrovata parzialmente bruciata non distante dal luogo del delittoLinchiesta si è dovuta confrontare con molti tentativi di depistaggio contro i quali si è battuto il padre di Nino, Vincenzo Agostino. "Accanto a me - dice oggi l'anziano, che ha deciso di non tagliare la barba ormai lunga fino a che non avrà giustizia - ci saranno le mie figlie, i miei nipoti e, virtualmente, tutti voi che in questi lunghissimi anni avete sostenuto me e la mia meravigliosa moglie Augusta Schiera Agostino".

Per l'avvocato Fabio Repici, legale di parte civile della famiglia Agostino, Nino rimase incastrato tra gli "ibridi connubi fra Cosa nostra e alcuni settori degli apparati di polizia e dell'intelligence proprio per il suo lavoro di poliziotto".

Il legale si dice "ottimista" per le richieste di rinvio a giudizio.  "Nel 2016, vista la richiesta di archiviazione, ritenemmo che la cosa più appropriata fosse rivolgersi alla Procura generale e chiedere formalmente un'avocazione - spiega Repici - Fu una valutazione corretta, perchè la procura generale ha svolto un gran lavoro, come un gran lavoro ha svolto la polizia giudiziaria e il centro Dia di Palermo portando ulteriori elementi che, a mio parere, corroborano in maniera incontrovertibile le prove della responsabilità di Nino Madonia e Gaetano Scotto quali mandanti e esecutori materiali del delitto".  

ll Centro Pio La Torre e il Comune hanno ufficializzato che si costituiranno parte civile.

"Finalmente - sottolinea Vincenzo Agostino - ci sono stati dei magistrati che non hanno avuto paura e che non hanno lacci e lacciuoli. Questi magistrati sono stati più coraggiosi degli altri. Ho ancora speranza, perché ho sempre detto che lo Stato siamo noi e noi dobbiamo cercare la verità e la giustizia per vincere quei malfattori, quei venduti che sono nello Stato. La prossima udienza è fissata per il 18 settembre. Vi ringrazio tutti e mi auguro che lo Stato questa volta faccia giustizia e verità, quella giustizia e quella verità che aspettiamo da 31 anni".

Sulla richiesta di rinvio a giudizio per Rizzuto, il papà di Agostino aggiunge: "E' molto strano sapere che fra gli indagati c'è quello che era un amico di mio figlio. Ma il suo atteggiamento e quello del padre sono stati molto strani e sono ancora da spiegare". 

Articolo aggiornato il 10 settembre 2020 alle ore 12,32 e alle 12,46

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, coinvolto il cantante De Martino: morto un sessantenne

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Apre a Palermo l'Antica pizzeria da Michele, dopo Napoli è l'unica del Sud Italia

  • Omicidio a Camporeale, colpi di pistola in piazza: morto un ragazzo di 26 anni

  • Firmato nuovo Dpcm con le regole Covid, Musumeci: "Ora controlli costanti delle forze dell’ordine"

  • Coronavirus, a Musumeci non piace il nuovo Dpcm: "Contrari alle limitazioni nei matrimoni"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento