Flc Cgil Palermo: "Introdurre obbligo scolastico già dall’infanzia"

Ridurre gli alunni per classe nel rispetto delle normative di sicurezza e potenziare la presenza in contemporanea dei docenti nelle scuole che si trovano in contesti difficili: ecco le richieste emerse nell'assemblea con gli insegnanti delle graduatorie ad esaurimento

Introdurre l’obbligo scolastico già dall’infanzia, ridurre gli alunni per classe nel rispetto delle normative di sicurezza, soprattutto in presenza di alunni disabili, potenziare la compresenza dei docenti in quelle scuole che si trovano in contesti difficili, attivare il percorso di abilitazione speciale per il sostegno. Sono queste le richieste emerse nel corso della partecipata assemblea, che si è tenuta ieri presso i locali della Flc Cgil di Palermo con gli insegnanti delle graduatorie ad esaurimento (gae) del segmento infanzia. Docenti che da tanto tempo attendono di essere stabilizzati.

“L’età prescolare – spiega il segretario della Flc Cgil Palermo Fabio Cirino – è una fase molto delicata per lo sviluppo del bambino. Migliorare la qualità del servizio è quindi una priorità. Per farlo sono necessari investimenti sulle infrastrutture e sulla stabilizzazione del personale docente e Ata”.

“A tal proposito – aggiunge – abbiamo avanzato diverse proposte all’Assessorato regionale all’istruzione, tra cui il finanziamento di progetti di potenziamento sul modello di quelli realizzati dalla Regione Puglia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

Torna su
PalermoToday è in caricamento