menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il soprintendente del Mare Valeria Li Vigni e il Maggiore Marmora

Il soprintendente del Mare Valeria Li Vigni e il Maggiore Marmora

Nuovo comandante del nucleo carabinieri Tpc visita la Soprintendenza del mare

Il maggiore Gianluigi Marmora ha incontrato il soprintendente del Mare Valeria Li Vigni nella sede di Palazzetto Mirto

Il nuovo comandante del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Palermo, il maggiore Gianluigi Marmora, ha incontrato il soprintendente del Mare Valeria Li Vigni nella sede di Palazzetto Mirto.

Il maggiore Marmora, salernitano classe 1973, è laureato in Giurisprudenza, con una grande conoscenza del territorio siciliano per la sua esperienza maturata nella 1^ Sezione del Nucleo Investigativo del comando provinciale carabinieri di Palermo, partecipando a numerose operazioni sviluppate negli anni nei confronti della criminalità organizzata mafiosa, vantando diversi riconoscimenti, tra cui Cupola 2.0 (dicembre 2018) in cui venivano arrestati 51 indagati, appartenenti a 6 diversi mandamenti mafiosi palermitani, responsabili di associazione per delinquere di tipo mafioso ed altro, bloccando sul nascere il tentativo di ricostituzione, a seguito della morte di
Salvatore Riina e di Bernardo Provenzano, della commissione provinciale mafiosa.

Il comando carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale è un reparto speciale dell'Arma, fondato il 3 maggio del 1969 con la denominazione comando carabinieri ministero Pubblica istruzione - Nucleo Tutela Patrimonio Artistico. Fin da subito svolge una intensa attività di prevenzione e repressione a tutela del patrimonio culturale italiano. Un fiore all’occhiello per l’Italia così come la Soprintendenza Regionale per i Beni culturali e ambientali del Mare un'eccellenza tutta siciliana, per caratteristiche ed operatività unica al mondo. Il percorso della Soprintendenza del Mare nasce nel 1999 dalla ferrea volontà di Sebastiano Tusa, che costituisce il G.I.A.S.S. (Gruppo d’Indagine Archeologica Subacquea Sicilia) successivamente S.C.R.A.S. (Servizio Coordinamento Ricerche Archeologiche Sottomarine) per poi diventare soprintendenza, con un apposito articolo nella legge finanziaria della Regione Siciliana del 2004, presentato dall'allora assessore ai Beni culturali Fabio Granata (art. 28 - Istituzione della Soprintendenza del Mare) per tutelare, gestire e valorizzare la cultura del mare in Sicilia.

"L’incontro con il maggiore Gianluigi Marmora alla Soprintendenza del mare - dichiara Valeria Li Vigni - intende confermare la consolidata collaborazione con il Tpc dell’Arma in tutte quelle attività di prevenzione e tutela del nostro patrimonio culturale. Il grande patrimonio archeologico subacqueo, quotidianamente ritorna a noi grazie a campagne di scavo autorizzate, frutto di studi, segnalazioni e ritrovamenti fortuiti. Ma è fondamentale l’azione investigativa delle forze di polizia, che nel reprimere le organizzazioni criminali, i tombaroli e il commercio illecito che distrugge i siti archeologici, garantisce la trasmissione della nostra memoria a chi verrà dopo di noi".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento