rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Cronaca piazza Rivoluzione

Nuove panche in piazza Rivoluzione ma vecchie proteste: "A che servono?"

Sono iniziati i lavori nell'area pedonale del centro storico, secondo quanto previsto dal Piano urbano del traffico. Filari di grossi blocchi da un metro simili a quelli di piazza Ruggero Settimo. Ma i commercianti non ci stanno: "Sono brutti e a trarne beneficio è solo il popolo notturno"

Nuove panche in marmo al posto delle vecchie piante ad abbellire e delimitare l'area carrabile di piazza Rivoluzione. Sono iniziati ieri i lavori in una delle aree pedonale del centro storico, secondo quanto previsto dal Put, il piano urbano del traffico messo a punto dal Comune a fine novembre dello scorso anno. Filari di grossi blocchi da un metro del tutto simili a quelli di piazza Ruggero Settimo, al Politeama. Dopo piazza Rivoluzione sarà la volta delle piazze Marina, Bologni e San Domenico dove saranno posizionate fioriere analoghe a quelle di via Maqueda. L'amministrazione ha infatti messo a disposizione 150 mila euro per gli arredi urbani e 30 mila per le rastrelliere. 

Uno dei cuori pulsanti della movida notturna cambia così nuovamente volto. A fare presto la loro comparsa saranno anche cestini per i rifiuti e dissuasori per delimitare gli ingressi. Saranno poi aggiunte almeno altre tre panche, secondo quanto riferiscono i commercianti che hanno assistito ai lavori fin dalle prime ore del mattino. Si spacca, però, il fronte degli esercenti della zona, divisi tra coloro che apprezzano i nuovi arredi ma credono che prima era necessario pensare al rifacimento del basolato, e coloro che li considerano un ulteriore scacco alla vita diurna dell'area. Per molti, infatti, a trarne benefici sarà il popolo notturno. 

Le nuove panche in piazza Rivoluzione - foto Bonfardino

"Questa - osserva il titolare di un bar - diventerà ulteriormente zona di sosta selvaggia. Potrebbe essere una cosa bella, soprattutto se la piazza sarà abbellita con altre piante e cestini, ma bisogna intensificare i controlli anche di notte. Di giorno noi non possiamo lavorare, la sera dopo le 21, invece, ognuno posteggia dove gli pare. I vigili ci hanno spiegato che non hanno i mezzi necessari per coprire la fascia serale". Ma non è tutto. Alcuni passanti segnalano anche la presenza del basolato ormai vecchio e causa di diversi incidenti. "Prima di aggiungere queste panche - commentano - dovrebbero pensare a rifare il pavimento. Ma rimettendo lo stesso tipo di pavimentazione e non una nuova, perché altrimenti si uccide la piazza. Proprio ieri un'anziana è inciampata ed è andata a finire in ospedale. Ditemi voi se è normale che ciò accada in una città potenzialmente bella come questa".

C'è, poi, a chi i nuovi arredi non piacciono affatto. "Queste panche non solo non sono belle - dicono alcuni ristoratori - ma sono pure scomode e di notte diventano gelide. Non siamo contenti per niente. Siamo stanchi di incontri e maestranze in cui non possiamo dire la nostra perché tanto nessuno ci ascolta. In piazza di giorno non viene mai nessuno, come nessuno prende la navetta. Da quando l'hanno attivata è sempre stata vuota. Ma per capire la portata della situazione basta guardare la fontana al centro della piazza, sempre sporca e piena di bottiglie, bicchieri, lattine e cuscini. Tutti - concludono - la conoscono come il Genio della Fieravecchia, una statua che doveva tutelare la città. Ma ormai neanche lui può fare più nulla". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuove panche in piazza Rivoluzione ma vecchie proteste: "A che servono?"

PalermoToday è in caricamento