Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca

'Ndrangheta in Toscana, palermitano condannato a otto anni

Si tratta di Salvatore Varsalona, 51 anni (alle spalle una condanna per omicidio). Stando alle accuse, per gli inquirenti avrebbe il ruolo di spacciatore ed “esattore” del pizzo agli imprenditori locali

Stando alle accuse per gli inquirenti avrebbe il ruolo di spacciatore ed “esattore” del pizzo agli imprenditori locali. La Cassazione ha condannato a otto anni Salvatore Varsalona, palermitano di 51 anni. I fatti a lui contestati si sono svolti nella zona di Lucca. L'uomo, con alle spalle una condanna per omicidio, aveva fatto ricorso contro la sentenza iniziale ma i giudici non hanno ritenuto fondate le motivazioni accogliendo in pieno la linea della Corte d'Appello. La condanna è stata confermata e diventa quindi definitiva.

Varsalona secondo i carabinieri avrebbe minacciato alcune delle vittime finite nella rete anche con armi da fuoco. Stando all'accusa, sarebbe anche coinvolto nell'incendio del magazzino della ditta Emac di Santa Croce sull'Arno, nel 2012. Per lui la condanna è anche per tentata estorsione e usura continuata.

Nell'ottobre del 2013 Varsalona era stato colpito dall'ordinanze della Dda di Firenze, al culmine di una indagine curata dal nucleo investigativo dei carabinieri di Lucca e dal Gico della Guardia di Finanza di Firenze: "Già condannato in via definitiva per omicidio oltre a spacciare avrebbe avuto il compito di 'riscuotere i crediti', essendo particolarmente violento", era stata l'accusa con cui era stato arrestato dai carabinieri toscani. Secondo gli inquirenti il palermitano era agli ordini di Giuseppe Lombardo, esponente 'ndranghetista del clan dei Facchineri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Ndrangheta in Toscana, palermitano condannato a otto anni

PalermoToday è in caricamento