rotate-mobile
Cronaca Ustica

Ustica "orfana" dell'Antonello da Messina, nave in avaria da tre giorni

Un guasto alla scheda elettronica del generatore ferma il traghetto, che era già stato in cantiere un mese. Caronte&Tourist lo rimpiazza col Vesta, lasciando però scoperta una linea. L'ad Bonanno: "Domani tornerà in mare, troppo tempo per armare il mezzo di riserva"

E' stato fermo un mese in cantiere per manutenzione e pochi giorni dopo essere tornato in mare si è guastato di nuovo: un'avaria al generatore blocca da domenica l'Antonello da Messina, traghetto che effettua i collegamenti marittimi statali tra Palermo e Ustica. La nave della Caronte&Tourist, con livrea Siremar, è stata rimpiazzata dalla Vesta, che normalmente svolge i servizi integrativi della Regione. Lasciando così scoperta una linea.

"L'Antonello da Messina tornerà in linea domani - fa sapere Edoardo Bonanno, amministratore delegato di Caronte&Tourist -. Stamattina abbiamo sostituito una scheda elettronica che si era guastata. Altri 'pezzi' arriveranno in settimana e quando saranno pronti il traghetto sarà sottoposto ad un altro intervento di manutenzione". 

In base alla convenzione con lo Stato, la compagnia di navigazione dovrebbe avere una nave di riserva pronta a rimpiazzare - in caso di guasti - una delle otto in esercizio. La nave sostitutiva è la Isola di Vulcano, rimasta però in banchina a Messina. Perché? "I tempi per riarmarla e i controlli della Capitaneria di porto - risponde Bonanno - sarebbero stati troppo lunghi, per questo abbiamo deciso di aspettare la riparazione dell'Antonello da Messina". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ustica "orfana" dell'Antonello da Messina, nave in avaria da tre giorni

PalermoToday è in caricamento