Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca

Migranti, nave ong per monitorare le traversate: un "pezzo" di Palermo nella missione Mediterranea

Al via un'attività di controllo, testimonianza e denuncia della drammatica situazione di uomini, donne e bambini che rischiano la vita per raggiungere in mare l'Europa. Fra i promotori l'impresa sociale Moltivolti. Orlando: "Un faro per restare umani". Sinistra Comune: "Pieno sostegno". Salvini: "Una nave di scalcagnati"

Un barcone di migranti in mare aperto

Una nave battente bandiera italiana per documentare cosa accade davvero ai migranti in mare. C'è un "pezzo" di Palermo nella missione "Mediterranea", portata avanti dalla nave "Mare Jonio", che svolgerà "un'attività di monitoraggio, testimonianza e denuncia della drammatica situazione di uomini, donne e bambini che rischiano quotidianamente la vita per raggiungere l'Europa. 

Fra i promotori dell'iniziativa ong e onlus palermitane, come l'impresa sociale Moltivolti. I garanti sono un gruppo di parlamentari, Erasmo Palazzotto (anche lui palermitano), Nicola Fratoianni e Rossella Muroni, e Nichi Vendola, che sostiene finanziariamente e politicamente il progetto. Si tratta di una risposta alla mancanza di navi impegnate in attività di ricerca e soccorso nel mar Mediterraneo. 

A tenere a battesimo il progetto, tra gli altri, Alessandra Sciurba e Ada Talarico di Rete Mediterranea. "In tempi in cui gli oppressi e le vittime vengono additati come oppressori e colpevoli - afferma il sindaco Leoluca Orlando - l'iniziativa della società civile italiana con la missione 'Mediterranea', è un gesto di grande importanza, un faro di speranza. Lo è perché dà una risposta concreta alla politica razzista e securitaria del governo gialloverde e perché ci ricorda che occorre mettere in campo azioni concrete di solidarietà. Azioni che, non lo scordiamo, sono interventi concreti per salvare vite umane, per far sì che tutti noi restiamo umani".

Anche il coordinamento di Sinistra Comune "condivide l'azione di Mediterranea e ribadisce il pieno sostegno all'iniziativa, che ha trovato convergenza nell'associazionismo palermitano e che vede fra i promotori molti militanti della nostra esperienza politica di Sinistra Comune". "Salvare le vite nel Mediterraneo e denunciare lo sfruttamento - conclude la nota diramata da Sinistra Comune - è un dovere morale e civile. Riteniamo sia importante rispondere con una vera azione militante alla cultura della paura, alimentata dal Governo attuale, che riduce le migrazioni a problema di sicurezza e di ordine pubblico. Per questo Mediterranea merita il sostegno di chi crede e lavora per una società migliore. Ecco perché sosteniamo la missione della nave Mediterranea contro xenofobia e deriva securitaria del nostro paese".

Per il ministro dell'Interno Matteo Salvini si trata di "una nave di scalcagnati dei centri sociali che va a prendere tre merluzetti". Così si è espresso il capo del Viminale durante il programma "W l’Italia, oggi e domani".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti, nave ong per monitorare le traversate: un "pezzo" di Palermo nella missione Mediterranea

PalermoToday è in caricamento