"Non c'è stata aggressione", assolto lo chef Natale Giunta

Lo chef è stato assolto dall'accusa di avere malmenato ed insultato un suo cliente, l'avvocato Roberto Indovina, dopo un black out alla cena di nozze al Charleston. I testimoni portati in aula dal suo avvocato hanno escluso di aver assistito ad atti di violenza

Lo chef Natale Giunta è stato assolto dall’accusa di avere malmenato ed insultato un suo cliente, l’avvocato Roberto Indovina. Lo ha deciso il giudice di pace. Secondo il racconto dell'avvocato, lo chef, alla richiesta di spiegazioni sul black out lo avrebbe insultato e spinto.

Il legale di Giunta, l’avvocato Stefano Santoro, ha prodotto in aula diverse testimonianze di persone presenti al momento della presunta aggressione. I testimoni portati in aula dall’avvocato di Giunta hanno riferito di non aver udito insulti e hanno escluso di aver assistito ad atti di violenza.

Giunta, famoso per aver partecipato a diverse edizioni de "La prova del cuoco", trasmissione culinaria condotta da Antonella Clerici, è balzato alle cronache quest'inverno per aver denunciato gli esattori del pizzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Tragedia per una mamma palermitana: bimbo di 10 anni muore incastrato in un cassonetto per indumenti

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • L'incidente di Bonagia, lacrime a "Dallas": morto diciottenne

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

Torna su
PalermoToday è in caricamento