rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca

La Regione inaugura una linea telefonica per i disabili, l'assessore Scavone: "Anche così abbattiamo le barriere" 

Il nuovo servizio fornirà informazioni, assistenza e ascolto cinque giorni alla settimana e sarà gestito da assistenti sociali e operatori del diritto, coadiuvati dai volontari appositamente formati

Una linea telefonica diretta per fornire informazioni, assistenza e ascolto a chi vive i problemi legati a una condizione di disabilità. Nasce “Telefono D”, un nuovo servizio rivolto a tutte le persone con disabilità, alle loro famiglie e alle associazioni che operano in questo ambito. Uno speciale “telefono amico” (091.6850618), in funzione cinque giorni alla settimana, è stato attivato dall'assessorato regionale della Famiglia e delle Politiche sociali, grazie a una convenzione sottoscritta dalla Regione, attraverso il dipartimento della Famiglia e delle Politiche sociali, dall'Autorità del Garante della Persona con disabilità e dall'associazione “Ufficio nazionale del Garante della Persona disabile” Onlus/Aps, presieduta da Salvatore Di Giglia.

"L'idea di attivare un telefono amico con questa specifica funzione – dichiara l'assessore regionale alla Famiglia e alle Politiche sociali, Antonio Scavone – nasce dalla constatazione che sussiste il bisogno di un supporto informativo, ma anche di accoglienza e ascolto dei problemi che si trovano ad affrontare le persone con disabilità e i loro familiari. Molto spesso si verificano situazioni di disagio, ma sarebbero sufficienti specifiche indicazioni e supporti per eliminare le barriere che determinano e aggravano le condizioni di disabilità, aumentando la sofferenza di chi non trova interlocutori esperti. Il nuovo servizio telefonico vuole rispondere a questa necessità".

Al “Telefono D”, che sarà attivo dal lunedì al venerdì, dalle 11 alle 17, risponderanno assistenti sociali e operatori del diritto che saranno coadiuvati dai volontari dell’Associazione Ufficio nazionale del Garante della persona disabile Onlus/Aps, appositamente formati. "È importante avviare questa attività sperimentale che, mi auguro, possa essere implementata nel tempo – aggiunge la Garante regionale delle persone con disabilità, Carmela Tata – Sono certa che l'impegno e la disponibilità del nostro Ufficio regionale, coadiuvato da altri organi istituzionali attraverso un filo diretto con associazioni, persone con disabilità e familiari, produrranno i loro frutti nel fare emergere in modo più sistematico le difficoltà, permettendo di razionalizzare e indirizzare gli interventi, eliminare o almeno ridurre le barriere, che determinano la disabilità e i conseguenti disagi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Regione inaugura una linea telefonica per i disabili, l'assessore Scavone: "Anche così abbattiamo le barriere" 

PalermoToday è in caricamento