Cronaca

Napolitano contro i giudici di Palermo “Conflitto fra poteri dello Stato”

Il presidente della Repubblica ha firmato un decreto per sollevare un conflitto di attribuzione davanti alla Corte Costituzionale, in merito ad alcune intercettazioni sulla presunta trattativa Stato-mafia

Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano contro i giudici di Palermo. Napolitano ha oggi affidato all'avvocato generale dello Stato l'incarico di rappresentare la Presidenza della Repubblica nel giudizio per conflitto di attribuzione da sollevare dinanzi alla Corte Costituzionale nei confronti della Procura della Repubblica di Palermo in relazione alla vicenda delle telefonate intercettate tra il consigliere del presidente per gli Affari giuridici Loris D'Ambrosio e l'ex ministro dell'Interno Nicola Mancino a proposito della presunta trattativa tra Stato e Mafia negli anni 90. Durante l'attività d'intercettazione ci sarebbero state anche un paio di telefonate fra Mancino e Napolitano, telefonate che avrebbero dovuto essere distrutte, provvedimento che il procuratore del capoluogo siciliano Francesco Messineo non ha ancora disposto.

Nel decreto del Presidente della Repubblica con cui il Quirinale promuove un conflitto di attribuzioni, sollevando la vicenda innanzi alla Consulta, si legge che "a norma dell'articolo 90 della Costituzione e dell'articolo 7 della legge 5 giugno 1989, n. 219 salvi i casi di alto tradimento o attentato alla Costituzione e secondo il regime previsto dalle norme che disciplinano il procedimento di accusa – le intercettazioni di conversazioni cui partecipa il Presidente della Repubblica, ancorché indirette od occasionali, sono da considerarsi assolutamente vietate e non possono quindi essere in alcun modo valutate, utilizzate e trascritte e di esse il pubblico ministero deve immediatamente chiedere al giudice la distruzione".


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Napolitano contro i giudici di Palermo “Conflitto fra poteri dello Stato”

PalermoToday è in caricamento