Nadia Spallitta: "Impianti 5G a Palermo, sindaco revochi le autorizzazioni"

Così l'avvocato ed esponente di Europa Verde: "Ritengo che la tutela della salute debba essere considerata prioritaria rispetto agli interessi economici di alcuni gruppi finanziari"

"Ritengo che la tutela della salute debba essere considerata prioritaria rispetto agli interessi economici di alcuni gruppi finanziari. E dal momento che sembrerebbe sia stata autorizzata a Palermo l'installazione degli impianti 5g, in relazione ai quali non è stato accertato l'eventuale danno per la salute, legato all'alta concentrazione di onde elettromagnetiche di elevata frequenza che questa tecnologia, diversa da quelle fin qui utilizzate, comporta, sarebbe opportuno, a tutela della salute della collettività, che prima di installare detti impianti vengano fatte le dovute verifiche". A dirlo è Nadia Spallitta, avvocato ed esponente di Europa Verde.

L'esperta: "5G? Tecnologia sicura"

"Tra l'altro - aggiunge - la legge 36 del 2001 sulla protezione dall'esposizione a campi magnetici ed elettromagnetici, attribuisce ai consigli comunali il potere di regolamentare la materia per assicurare il corretto insediamento urbanistico e territoriale di questi impianti e minimizzare l'esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici. Mi domando, in assenza di questo regolamento, come si possa procedere a tutela della salute individuale e collettiva dei cittadini che rappresenta un diritto fondamentale disciplinato dagli articoli 9, 32 e 117 della Costituzione che è prevalente rispetto ad ogni altro diritto".

Nadia Spallitta-2-7"Per questa finalità, tra l'altro, la norma impone che venga altresì acquisito il parere dell'Arpa, alla quale viene demandato il compito di analizzare l'eventuale superamento dei limiti alle esposizioni. In particolare più impianti, che emettono onde elettromagnetiche, potrebbero incidere sulla stessa parte di territorio con possibile superamento della soglia consentita. Che tra l'altro, in relazione alla grandezza degli impianti, è necessaria anche la valutazione dell'impatto ambientale. Una decisione così delicata, a mio avviso, necessitava di un processo partecipativo che coinvolgesse anche la città. Come esponente di Europa Verde - conclude Spallitta - presenterò un'istanza di accesso agli atti per acquisire tutti i documenti, le certificazioni e i pareri che hanno consentito queste autorizzazioni. Dubito della legittimità del procedimento adottato, anche per la mancanza di una decisione in tal senso del Consiglio Comunale, organo preposto alla disciplina e all'organizzazione degli interventi sul territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento