rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca

Orlando: "Musumeci alimenta il razzismo, migranti più sicuri di panettieri e ristoratori"

Il sindaco boccia l'ordinanza del governatore che prevede lo sgombero degli hotspot e dei centri d'accoglienza nell'Isola: "Anche lui è entrato nella fiera dei virologi da strapazzo. Allora bisognerà bloccare chi arriva in nave da Civitavecchia o i croceristi?". Razza: "Si occupi di Palermo"

"E' un'ordinanza nulla, una grida manzoniana, che nessun prefetto, seguendo le indicazioni del Viminale, applicherà, ma avrà comunque un effetto negativo perché alimenterà il razzismo e perché tanti migranti, spinti dalla paura di essere trasferiti chissà dove in 24 ore, potrebbero fuggire dai centri di accoglienza mettendo in pericolo se stessi e la popolazione. Dispiace che anche Musumeci sia alla fine entrato nella fiera delle vanità dei governatori". Il sindaco Leoluca Orlando boccia senza mezzi termini l'ordinanza del governatore siciliano, Nello Musumeci, che prevede lo sgombero entro oggi degli hotspot e dei centri d'accoglienza nell'Isola con il trasferimento dei migranti ospiti delle strutture in altre strutture fuori dal territorio regionale.

In un'intervista a La Stampa il primo cittadino spiega che "il tema del Coronavirus andrebbe affrontato con serietà e non con proclami" e che nell'ordinanza c'è "una norma illegittima e pasticciata, si fa riferimento a una categoria che non esiste. Ci sono i migranti che non possono attraversare la Sicilia? Bisognerà bloccare anche chi arriva con la nave da Civitavecchia o i croceristi?".

Insomma, secondo Leoluca Orlando, il fenomeno migratorio non si risolve con "la demagogia spiccia", che produce solo "paura e tensione". "Il tema dei migranti è la spia del ruolo mancante dell'Unione europea e dell'esplosione degli stati. La situazione in Libano e in Libia produce instabilità. Speriamo che l'Europa lo capisca. E che intervenga".

Infine, il rapporto tra migranti e contagio da Coronavirus. "I cosiddetti migranti sono molto più controllati dei croceristi che sbarcano in Sicilia. Siamo la regione in Italia che ha fatto meno tamponi, i migranti sono in assoluto i più tamponati di tutti. Sono una categoria più sicura dei panettieri, dei ristoratori, degli impiegati del catasto", sottolinea il sindaco di Palermo, per il quale "anche Musumeci è entrato nella fiera dei virologi da strapazzo". La soluzione, allora, è "mandare navi per la quarantena dei migranti in mare" e "coinvolgere l'Unione europea per i ricollocamenti". 

"Il sindaco Orlando, che farebbe bene a occuparsi meglio della sua città, non sa che il numero dei tamponi è proporzionale al numero dei casi. Minori sono i contagi, è minore è il contact tracing necessario per le indagini epidemiologiche. In più la Sicilia ha adottato il criterio della quarantena obbligatoria, quindi il grosso degli screening avverrà a periodo concluso". Così l'assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, risponde a distanza al sindaco Orlando che aveva invitato la Regione a maggiori controlli.

"Orlando faccia meno polemiche - aggiunge l'assessore Razza - e dia maggiore prova di senso delle istituzioni. Quello che con lui ha sempre usato la Regione, a dimostrazione della nostra mancanza di qualsiasi pregiudizio verso chi amministra".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orlando: "Musumeci alimenta il razzismo, migranti più sicuri di panettieri e ristoratori"

PalermoToday è in caricamento