Cronaca Addaura

Musica ad alto volume in una villa all'Addaura, i vicini chiamano i vigili e scatta la multa

Gli agenti sono intervenuti nel mezzo di una festa privata nell'ambito dei controlli mirati alla tutela del riposo notturno dopo le segnalazioni di alcuni residenti

All’improvviso sono arrivati i vigili. Così la festa privata che era stata organizzata in una villa all'Addaura si è conclusa sul più bello. Ed è scattata una multa da 150 euro. E' successo nella notte tra venerdì e sabato. Gli agenti sono intervenuti nell'ambito degli controlli mirati alla tutela del riposo notturno dopo le segnalazioni di alcuni residenti che avevano protestato per la musica ad alto volume.

"I vigili hanno appurato che l'intrattenimento musicale - spiegano dal comando della polizia municipale - era gestito, senza alcun titolo, da un dj e la musica veniva diffusa all'esterno in un terrazzo all'aperto di pertinenza della villa. Gli agenti hanno sequestrato per 10 giorni le apparecchiature musicali, tra cui diffusori audio, console  e mixer ed elevato un verbale di contestazione di 150 euro".

Nel corso di un altro intervento la polizia municipale ha sequestrato una discoteca abusiva all’Arenella (non è stato fornito il nome del locale, ndr). In azione gli agenti del Caep (Controllo Attività Economico Produttive). "La discoteca - hanno spiegato dal comando - era totalmente abusiva, con intrattenimento musicale e somministrazione di alimenti e bevande ai tavoli. Il locale era provvisto di cucina laboratorio e l’intrattenimento musicale era gestito, senza alcun titolo, da un dj. Il gestore dell’attività è stato sanzionato perché privo di autorizzazione alla somministrazione di alimenti e bevande per un importo di 5 mila euro, per la mancanza delle autorizzazioni sanitarie per un importo di 3 mila euro e per la diffusione di emissioni sonore all'esterno del locale per un importo di 150 euro".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Musica ad alto volume in una villa all'Addaura, i vicini chiamano i vigili e scatta la multa

PalermoToday è in caricamento