rotate-mobile
Cronaca

Mafia, a Palermo un museo dedicato a Falcone e Borsellino

Scelta Palazzo Jung come sede principale. Il sindaco Lagalla: "Spazio di incontro e riflessione"

Un luogo che non sia un semplice custode di reliquie, ma di strumenti capaci di incontrare e sollecitare gli studenti, le nuove generazioni e il resto della comunità in un nuovo patto culturale per la legalità. È con questo intento che nasce il progetto del primo museo d’Europa della lotta alle mafie. Il progetto nazionale 'Museo del presente e della memoria della lotta alle mafie/Dedicato a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino' parte da Palermo, grazie all’iniziativa della Fondazione Falcone, in collaborazione con il Comune di Palermo e la città metropolitana di Palermo, che ha messo a disposizione la sede di Palazzo Jung, a pochi metri dai luoghi di nascita dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Inoltre, sono previste due ulteriori sedi, a Roma e Bolzano. Da qui, il coinvolgimento nel progetto nazionale anche del Comune di Roma e della provincia autonoma di Bolzano.

"Non sarà solo un museo della memoria ma uno spazio fluido di incontro e di riflessione per un nuovo patto generazionale a sostegno della legalità - dice il sindaco di Palermo, Roberto Lagalla -. Accogliendo l’idea della presidente della Fondazione, Maria Falcone, abbiamo immaginato questo luogo come un osservatorio privilegiato per raccontare le storie e il sacrificio di chi ha combattuto il crimine organizzato e per testimoniare la reazione culturale e l’impegno civile che, sulla scia del coraggioso esempio di quegli eroi, hanno animato una lunga e proficua stagione di resistenza alla mafia da parte della comunità, fino a rendere oggi Palermo un punto di riferimento per l'affermazione della legalità. Gli studenti e i giovani - sottolinea il primo cittadino - saranno protagonisti attivi di quello che auspichiamo possa divenire un museo interattivo, narrante e itinerante che, oltre a portare la nostra storia in altre città italiane, si proponga come luogo di ospitalità e di riflessione per i turisti, il mondo del lavoro, le imprese e i cittadini".

Lagalla ringrazia la Fondazione Falcone per "questa proposta progettuale ed assicuro la collaborazione del Comune e della Città metropolitana che metterà a disposizione Palazzo Jung come sede principale del Museo. Sono sicuro che, sul meritorio impulso della Fondazione Falcone, non mancheranno altre autorevoli collaborazioni istituzionali e associative, destinate a rafforzare ulteriormente il significativo progetto". "A trent’anni dalle stragi mafiose d’Italia abbiamo voluto dare vita a un museo dedicato alla vita, alla memoria e al presente della lotta alle mafie, dedicato a Giovanni Falcone e a Paolo Borsellino, a tutte le vittime di mafia - sottolinea Maria Falcone, presidente della Fondazione Falcone -. Uno spazio culturale speciale che unisca le istituzioni, in testa la polizia di Stato e l’Arma dei carabinieri, privati e altri musei partner. Un museo vitale, spalancato ai giovani, utile speriamo per la comunità studentesca, dove fare incontrare le generazioni di europei e italiani, nelle tre città per noi simbolicamente e realmente più forti".

"Il museo sarà aperto dapprima a Palermo, subito di seguito a Roma e a Bolzano, in un nuovo patto culturale per la legalità - aggiunge la sorella del magistrato ucciso nella strage di Capaci -, un progetto di comunità dove i privati e il pubblico contribuiranno alla realizzazione degli spazi e del programma nel tempo, pensato per essere un bel posto dove trovarsi, prodotto secondo nuovi e innovativi linguaggi, dall’arte di ogni tempo e al design globale, alla fotografia d’autore, con partner d’eccezione che presto presenteremo. È anche per noi il giusto riconoscimento alle città del coraggio, che hanno saputo negli anni trovare la forza di reagire ai ricatti criminali, con grande passione civile, impegno sociale e autonomia culturale".

Il progetto, promosso in esclusiva dalla Fondazione Falcone, di cui è consigliere di riferimento Vincenzo Di Fresco, è diretto da Alessandro De Lisi, curatore generale per le attività culturali della Fondazione Falcone, mentre la progettazione degli spazi museali è dell’architetto Chiara De Battista. Palazzo Jung è una cerniera urbana tra piazza Magione, via Lincoln, l’Orto Botanico, il mare e, a pochi metri, il complesso monumentale dello Spasimo. Tutto il piano terra, il giardino coi ficus centenari e gli spazi del verde mediterraneo sono oggetto del progetto straordinario del museo 'mutante' sul presente della lotta alle mafie: un laboratorio dove sperimentare nuovi linguaggi e strumenti sociali, culturali e artistici per promuovere una memoria che impegna tutti, giovani e comunità contro i ricatti mafiosi.

Il museo di Palazzo Jung sarà diviso in 5 sezioni e una di queste sarà quella della 'Biografia espansa' che racconterà storia e legami sociali di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. A Roma, invece, il museo della lotta alle mafie sorgerà all’interno di un appartamento, un bene confiscato alla mafia romana, a pochi passi dai Musei Vaticani. Mentre per la sede di Bolzano si ipotizza uno spazio di coworking civile della comunità, dove arte, design, ricerca per le politiche attive agiscono a difesa dell’ambiente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mafia, a Palermo un museo dedicato a Falcone e Borsellino

PalermoToday è in caricamento