Cronaca Libertà

"Muoversi in liberta", una domenica di dialogo e confronto sulla disabilità

Grande partecipazione all'iniziativa

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Ha registrato ampio consenso e partecipazione l’iniziativa “Muoversi in Libertà”, conclusasi domenica 20 maggio nella zona pedonale di via Libertà. Il progetto nasce dalla ricerca di un maggiore dialogo sul tema della disabilità, non solo mettendo in luce le criticità che i disabili sono costretti ad affrontare ogni giorno, ma soffermandosi anche sull’impatto emotivo e psicologico che la carenza di servizi e talvolta il venir meno del senso civico possono determinare nel loro vivere quotidiano. Una due giorni, sabato e domenica, di confronto, che ha visto da una parte l’associazione “Muoversi in Libertà” e dall’altra il mondo della sanità.

“In occasione della manifestazione - ha detto Roberta Cascio dell’associazione 'Muoversi in Libertà' - abbiamo voluto dare alle persone disabili la possibilità di conoscere nuovi prodotti e fare test drive su vetture con ausilio di guida per disabili. Nella nostra città le persone con disabilità fisica hanno non poche difficoltà, per questo motivo stiamo cercando di fare rete: oltre al mondo della sanità abbiamo aperto un dialogo costruttivo con altre associazioni e con importanti aziende. 'Muoversi in Libertà' è un progetto destinato a consolidarsi nel tempo ed è il punto di partenza per future iniziative”. “Su questo tema l’informazione è importantissima, perché è da questa che parte il dialogo e il confronto. Ben vengono queste manifestazioni, perché rendono visibili le problematiche di molti cittadini”, ha affermato Michele D’Arienzo, direttore dell’U.O. Ortopedia e Traumatologia del Policlinico Giaccone di Palermo.

“Occorre che ognuno di noi dia il suo contributo e che vengano incrementate campagne di sensibilizzazione e di informazione, che siano il più dettagliate e approfondite possibile. - ha precisato Giorgio Mandalà, direttore dell’U.O. Fisiatria del Bucchieri La Ferla - Accessibilità e mobilità sono i due ambiti, per i quali nella nostra città si devono garantire maggiori servizi e possibilità”. “Ognuno di noi ha un ruolo e noi - ha puntualizzato Gaspare Gullotta, direttore dell’U.O Chirurgia d’Urgenza del Policlinico Giaccone di Palermo - abbiamo il dovere di prevenire molte delle disabilità. Nell’ambito della chirurgia sono stati fatti molti passi avanti e ancora oggi la ricerca è costante e continua”. Sanità, sport, mobilità, ausili, solidarietà: sono alcuni degli argomenti di cui si è discusso nel corso dell’iniziativa, promossa da Chip & Byte, Panathlon Club Palermo, Normali nella Disabilità e OPTM, in collaborazione con Nuova Sicilauto e FCA Italy. Spazio anche all’esposizione dei prodotti innovativi della Wimed.

“Vogliamo con prodotti all’avanguardia migliorare la qualità della vita di anziani e disabili. In occasione della manifestazione 'Muoversi in Libertà'. - ha illustrato Massimo Boccalari, direttore della Wimed - abbiamo presentato una carrozzina elettronica compatta in grado di superare superfici non omogenee, come terreni accidentati e marciapiedi”. “Muoversi in Libertà ritornerà ad ottobre e già stiamo progettando la prossima iniziativa", ha anticipato Valentina Passarello dell'omonima associazione.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Muoversi in liberta", una domenica di dialogo e confronto sulla disabilità

PalermoToday è in caricamento