Comune non annulla le multe "con vizio di notifica", l'Unione dei Consumatori presenta ricorso

Migliaia gli automobilisti che non hanno pagato e che in questi giorni hanno ricevuto le cartelle esattoriali. Le sanzioni sono state notificate da un centro postale privato, il consorzio Olimpo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

E’ stato depositato, ieri mattina, all’ufficio del Giudice di pace di Palermo, il primo ricorso collettivo, nei confronti del comune e della Serit, per impugnare le cartelle di pagamento di quelle multe emesse nel 2013, 2014 e 2015 e viziate alla notifica. A depositare il ricorso collettivo è stato, per conto dell’Unione dei Consumatori, l’avvocato Francesco Lo Faso, del foro di Termini Imerese. Il ricorso riguarda migliaia di automobilisti che non hanno pagato i verbali per infrazioni del codice della strada, perché notificati da un centro postale privato, il consorzio Olimpo. Un atto bonario, che era stato inviato con posta semplice e non dava agli utenti la possibilità di opporsi, anzi conteneva l’intimazione a pagare entro 10 giorni, pena ulteriore aggravio di spese e sanzioni, nonostante la normativa vigente prevede l'obbligo per la pubblica amministrazione di procedere alla notifica degli atti esclusivamente per il tramite di un pubblico ufficiale.

 “Sono più di 35 mila le multe viziate alla notifica – ha dichiarato il presidente dell’Unione dei Consumatori, Manlio Arnone – dopo aver chiesto al Comune di Palermo di annullarle in autotutela e dopo aver ricevuto risposta negativa, per coloro che non hanno pagato e in questi giorni hanno ricevuto le cartelle esattoriali e si sono rivolti ai nostri uffici abbiamo presentato il primo ricorso collettivo, nei prossimi giorni ne presenteremo altri, chi è interessato ci può contattare al numero telefonico dedicato 0918439038, o inviare una richiesta di assistenza utilizzando l'area informazioni sul sito".

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento