menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Notifiche "inesistenti": migliaia di multe stradali a rischio annullamento

Gestione "privata" dei verbali e subappalti del servizio: per la vicepresidente vicaria del Consiglio comunale, Nadia Spallitta, le contravvenzioni elevate dai vigili sono nulle

A rischio migliaia di verbali elevati dalla polizia municipale a causa della possibile “inesistenza” delle notifiche effettuate da un servizio postale privato. A renderlo noto è stata la vicepresidente vicaria del Consiglio comunale di Palermo Nadia Spallitta.
"In particolare - si legge in una nota - il Comune ha affidato nel 2011 alla Sispi la gestione dei verbali relativi alle sanzioni al Codice della Strada invitando la società ad avvalersi di personale comunale. La scelta derivava dalla asserita maggiore economicità rispetto ad una gestione affidata all’ente Poste. Ma il servizio, appaltato inizialmente (nel 2011) alla Sispi per un costo di 1,7 milioni di euro costa oggi 3,4 milioni di euro, di gran lunga superiore ai costi del servizio con l’ente Poste (2 milioni di euro circa).

Un caso che appare assai ingarbugliato. La Spallitta spiega: "Tra l’altro la Sispi, pur potendo avvalersi dei messi comunali o degli agenti di polizia per le notifiche ha “subappaltato” a una società privata l’attività della notifica, motivando questa scelta per non distogliere i messi comunali dai loro compiti istituzionali (motivazione piuttosto poco chiara perché il loro compito è proprio quello di notificare gli atti). Se non che il decreto legislativo 58/2011 (che ha liberalizzato i servizi postali) all’articolo 1 comma 4 affida in via esclusiva alle Poste Italiane - fornitore del servizio universale - i servizi relativi alle notificazioni a mezzo posta delle violazioni del Codice della Strada".

In sintesi se la notifica dei verbali deve avvenire a mezzo posta, nessuna società privata può svolgere l’attività di notificazione essendo esclusa per legge. Al riguardo la Cassazione, da sempre, e da ultimo con sentenza numero 2035/2014, ha dichiarato che le notifiche fatte da soggetto privato diverso dall’ente Poste sono da considerare “inesistenti”. Anche l’Avvocatura comunale afferma questo principio.

"Conseguentemente - dice Nadia Spallitta - i cittadini che non hanno pagato possono impugnare i verbali in qualsiasi momento con probabile esito vittorioso. In primo luogo perché la notifica viene considerata “inesistente” e quindi non produttiva di effetti, in secondo luogo perché per legge le multe devono essere comunicate al cittadino entro 90 giorni a pena di decadenza. Il Giudice di pace di Palermo ha via via accolto i ricorsi dei cittadini fondati su questi argomenti, proprio sulla scorta della posizione della Cassazione. Da qui il rischio che, se dovesse essere avviata una class action l’Amministrazione potrebbe risultare soccombente in centinaia, forse migliaia, di giudizi. Al riguardo si consideri che mediamente ogni anno vengono notificati 150 mila verbali e il rischio di perdere anche alcuni milioni di euro. Si tratta di una forte criticità alla luce del fatto, mentre con la precedente gestione a mezzo dei messi comunali le notifiche era notificate personalmente dal messo, con l’attuale gestione sono stati registrati 60 mila casi di compiuta giacenza, cioè di notifiche a mezzo del servizio postale (sembrerebbe effettuata direttamente da poste private)".

"A ciò - si legge nel comunicato - si aggiunga che attualmente i messi esterni hanno conseguito la qualifica di messo notificatore che può notificare solamente atti di accertamento di tributali locali mentre non possono notificare secondo la stessa legge atti amministrativi o verbali relativi al Codice della Strada. A mio avviso, non solo sono a rischio le notifiche fatte con posta privata perché ritenuti inesistenti dalla giurisprudenza, ma anche le notifiche fatte da parte dei messi notificatori abilitati solo per gli atti tributari. Infine, sempre la Cassazione, esclude che soggetti terzi possano definire le relate di notifica, compito di un pubblico ufficiale. Tale qualifica può essere conferita solo per legge e nei casi previsti dalla legge, anche per la rilevanza penale che le attività dei pubblici ufficiali possono avere (è notorio che la materia penale sia riservata alla legge). Anche da questo punto di vista dubito che le relate di notifica possano essere predisposte da soggetti che non abbiano per legge il ruolo di pubblico ufficiale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento