menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giovani sorpresi senza casco (foto archivio)

Giovani sorpresi senza casco (foto archivio)

Centauri nel mirino dei carabinieri Più di venti sorpresi senza casco

Controlli straordinari dei militari in città e provincia. La maggioranza dei trasgressori sono uomini tra i 16 e i 26 anni. Quindici giovani sanzionati perché sul ciclomotore non avevano sostituito la vecchia targa con la nuova

Casco indossato senza essere allacciato, oppure portato al braccio o peggio ancora sotto il sellino. Queste le consuetudini maggiormente accertate dai carabinieri durante un servizio straordinario in città e in provincia. Durante il servizio i militari hanno controllato 50 persone ed  hanno elevato 21 contravvenzioni per mancato uso del casco che prevede il fermo amministrativo dei motocicli/ciclomotori per 60 giorni e la sanzione amministrativa da 74  a 299 euro.

Si è evidenziato come la fascia di età dei trasgressori, va dai 14 ai 30 e 55 anni con maggiore incidenza tra i sedicenni e i 26enni, in maggiore numero sono uomini con un 85% rispetto alle donne con una percentuale d’incidenza del 15%. Durante l’attività di controllo i militari hanno provveduto alla verifica delle targhe dei ciclomotori 50. Infatti con l’entrata in vigore del Decreto Legge del 2 febbraio 2011 tutti i ciclomotori immessi in circolazione anteriormente alla data del 14 luglio 2006 e quindi dotati del cosiddetto “targhino” e del certificato di idoneità tecnica, dovranno obbligatoriamente provvedere alla sostituzione con la nuova targa quadrata ed il nuovo certificato di circolazione.

Nella circostanza i militari hanno sanzionato 15 giovani, a bordo di ciclomotori che non avevano sostituito la vecchia targa con la nuova. Con una sanzione da 389 a 1559 euro. L’attività di prevenzione e repressione nello specifico settore continuerà anche nei prossimi week-end, nei pressi di luoghi di ritrovo di giovani, scuole, pub e pubbliche piazze, i servizi in particolare saranno rafforzati per tutta la stagione estiva presso le mete balneari, dove si sono registrati i più considerevoli casi  di violazioni al codice della strada da parte di centauri, per la maggior parte giovani.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento