Zona Sant'Orsola, dopo i fiorai controlli anche nelle officine: multe per 15 mila euro

Tre le attività abusive scovate dalla polizia municipale vicino via Parlavecchio. Solo una delle tre era in possesso di una licenza, ma per la vendita di pezzi di ricambio. Verifiche in corso sulla regolarità edilizia dei locali

Una delle tre officine abusive scovate dalla polizia municipale

Dopo i fiorai vicino al cimitero Sant’Orsola finiscono sotto la lente anche le officine meccaniche. Sono tre le attività scovate dalla polizia municipale in via Parlavecchio che, dopo un controllo, sono risultate sprovviste delle autorizzazioni necessarie. Dentro c’erano mezzi in riparazione e macchinari professionali.

Durante gli accertamenti predisposti dal comandante Gabriele Marchese è emerso che solo una delle tre officine aveva la licenza, ma per la vendita di pezzi di ricambio. I tre gestori hanno ricevuto una multa da 5.164 euro ciascuno. Verifiche in corso sulla regolarità edilizia del locali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli agenti hanno seguito il solco tracciato con i controlli eseguiti nelle ultime settimane fra i venditori di fiori della  zona. Dopo i vari blitz i commercianti, abusivi da 40 anni, hanno chiesto al Comune di regolarizzare la propria posizione dopo averci provato invano dal 1978.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, prima vittima a Palermo: 55enne muore all'ospedale Civico

  • Un altro caso di Coronavirus fa tremare Comdata, donna positiva: "Ora la situazione è grave"

  • Virus, sui social si pianifica l'assalto ai supermercati: in campo polizia e carabinieri

  • Coronavirus, in Sicilia già venti morti: salgono a 846 i contagiati, 125 più di ieri

  • Incidente in via Basile, investito da un automobilista che scappa: morto 57enne

  • Coronavirus, furia Musumeci in tv: "La Sicilia è chiusa, da noi per avere dei diritti bisogna gridare"

Torna su
PalermoToday è in caricamento