menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"E' notificata da un privato", giudice annulla multa consegnata dal Consorzio Olimpo

Secondo Claudia Giacchino solo Poste Italiane può fare da tramite tra il soggetto che ha commesso l'infrazione e la polizia municipale. Federconsumatori pronta a portare avanti la battaglia legale

Un privato contesta una multa emessa dalla polizia municipale e notificata dal Consorzio Olimpo e il giudice di pace Claudia Giacchino la annulla. Il motivo? Il messo privato, che dopo regolare gara d'appalto ha affiancato la Sispi nella notifica dei provvedimenti in città, non potrebbe consegnare la contravvenzione. Secondo il giudice, per essere valida la multa avrebbe dovuto essere notificata dal gestore postale universale, Poste Italiane. 

Ne è convinta anche Federconsumatori che se necessario porterà avanti la battaglia, fino in Cassazione. "Le notifiche fatte da soggetti privati sono irregolari e illegittime - spiega l'associazione dei consumatori al Giornale di  Sicilia, in un articolo a firma di Giancarlo Macaluso -. Poste Italiane è l'unico soggetto che, allo stato, può asseverare, con valenza probatoria, la data di invio e ricezione delle spedizioni".

Non è la prima volta che un giudice dà ragione ad un privato in casi del genere, è già accaduto altre due volte. Vero però anche il contrario: a giugno, in sede d'appello il tribunale ha dato ragione all'amministrazione e condannato il privato multato a pagare. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento