Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Scandalo "patenti facili", confermate condanne per 18 funzionari della Motorizzazione

La sentenza è della Cassazione. Per altri quattro imputati i giudici hanno deciso l'annullamento per una irregolarità procedurale. Svelata - tra il 2009 e il 2011 - una rete di corruzione: pratiche più celeri se accompagnate da regali o denaro

La Cassazione ha confermato le condanne per 18 tra funzionari della Motorizzazione civile e titolari di scuole guida e di agenzie di disbrigo pratiche coinvolti in un'indagine sulle cosiddette "patenti facili". Per altri quattro imputati i giudici hanno deciso l'annullamento per una irregolarità procedurale.

La pena più pesante - otto anni e nove mesi - è stata confermata per Antonino Nobile, il funzionario della Motorizzazione accusato di essere il perno di un sistema di corruzione. Avrebbe agevolato i candidati e accelerato le pratiche per il rilascio dei documenti di guida. In cambio avrebbe ricevuto tangenti, ma Nobile ha sempre negato di avere incassato denaro o altre "regalie". 

L'inchiesta si è sviluppata in due momenti, tra il 2009 e il 2011. Tra un'operazione e l'altra, coordinate dalla Procura, furono arrestate 51 persone: alcuni funzionari della Motorizzazione, tutti gli altri operatori di agenzie. Gli episodi ricostruiti dagli investigatori sono 122 ma per alcuni capi di imputazione, tra cui l'associazione per delinquere, è scattata la prescrizione. Alcuni imputati hanno scelto il patteggiamento, altri il rito abbreviato, 22 il rito ordinario. Ora la Cassazione ha definito l'ultimo filone processuale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scandalo "patenti facili", confermate condanne per 18 funzionari della Motorizzazione

PalermoToday è in caricamento