menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fondazione Falcone, dopo il "divorzio" delle salme Alfredo Morvillo lascia

Le tensioni tra le due famiglie andavano avanti da anni. Ultimo motivo di scontro, la traslazione della salma del giudice nella chiesa di San Domenico. Maria Falcone: "Spiace quanto successo"

Alfredo Morvillo, fratello di Francesca, lascia il consiglio della Fondazione Falcone. Il motivo del divorzio? La Fondazione, nata dopo la strage di Capaci, in cui il giudice Giovanni Falcone e la moglie Francesca Morvillo furono uccisi dalla mafia, per la famiglia Morvillo avrebbe dovuto unire nel ricordo le due vittime ma nei fatti avrebbe troppo spesso commemorato solo il magistrato. "Non è stato raggiunto l'obiettivo di unire nel ricordo delle manifestazioni organizzate chi è stato unito nella vita", spiega a Repubblica Alfredo Morvillo.

Già da diversi anni in città circolavano voci di uno strappo tra le due famiglie. Oggi la conferma ufficiale. Ad aver fatto traboccare l'acqua dal vaso ha contribuito anche il trasferimento del corpo del giudice Falcone, nel giugno 2015, dalla cappella di famiglia, nel cimitero di Sant'Orsola al Pantheon, nella chiesa di San Domenico. La salma di Francesca Morvillo invece è rimasta dov'era. Solo dopo è stata fatta trasferire, per volere della madre e del fratello, al cimitero dei Rotoli. 

Dispiaciuta per quanto accaduto la sorella del giudice e presidente della Fondazione, Maria Falcone: "E' da due anni che cerchiamo una mediazione per evitare la decisione della famiglia Morvillo di uscire dalla Fondazione che è stata ratificata dal consiglio", spiega all'Ansa. La Fondazione Falcone quindi non porterà più il nome di Francesca e, tra poco più di un mese, ricorrerà il 25esimo anniversario della strage. A questo punto una domanda sorge spontanea: la famiglia Morvillo, ci sarà?

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento