menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La notte più buia della Vucciria: è morto lo zio Totò, anima della Taverna Azzurra

Salvatore Sutera era un'istituzione nel centro di Palermo. Si faceva trovare sempre davanti al bancone per accogliere i clienti nello storico locale di discesa Maccheronai, 9. A dare la notizia è stato uno dei figli: "Sono completamente distrutto"

Se n'è andato in un giorno di metà primavera. Totò Sutera, l'uomo che aveva dato nuova vita alla Taverna Azzurra, non c'è più. Aveva 76 anni. Si è spento nelle scorse ore. A dare la notizia della sua morte è stato uno dei figli. "Completamente distrutto - ha detto - vi informo che mio padre, per molti lo 'zio Totò, per altri 'Totò U tavirnaru', anima della Taverna Azzurra, non c'è più. Riposa in pace". 

Sutera era un'istituzione nel centro di Palermo. Si faceva trovare sempre davanti al bancone per accogliere i clienti nello storico locale di discesa Maccheronai, al civico 9. Soprattutto la mattina. Perché dal pomeriggio in poi (e la notte) la gestione era in mano ai figli, Piero e Michele, e a Nino, uomo di fiducia che fin da quando era ragazzo ha aiutato la famiglia Sutera.

Dall'altra parte del bancone lo zio Totò raccontava storie, dava spunti, commentava. E adesso lo piangono in tanti, perché a Palermo era assai conosciuto. "Era un super uomo, d'altri tempi", scrive un aficionados della Taverna, senza aggiungere altro. Un altro aggiunge: "Era buono, saggio. Posso dire che è stato un gigante di questa città. Se ne va un mito".

La Taverna Azzurra - anche grazie alle sue idee - negli anni è via via decollata, diventando lentamente un locale leggendario. Soprattutto per le sue notti senza fine. Meta di turisti stranieri, vip, sessantenni che non vogliono arrendersi al passare dell'età, il locale della Vucciria è stato a lungo l'ultima stazione prima di andare a letto. Rinata sulle ceneri della vecchia enoteca aperta nel 1896, la Taverna era stata rilevata da Totò Sutera negli anni Ottanta. Prezzi bassi - un euro per un bicchiere di vino, come lo Zibibbo o il Sangue siciliano -  spazi raccolti, stile inconfondibile. La Taverna aveva fatto rivivere il mercato della Vucciria di notte: chi si avvicinava in quel locale veniva proiettato in una dimensione diversa dal resto della città. Musica, gente, colori. Fino all'alba. In un mondo senza coprifuoco Totò Sutera, a suo modo, è stato un pezzo di storia di questa città.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento