Kalsa in lutto, morto Stefano Sardina: era uno degli ultimi ebanisti di Palermo

Si è spento a 85 anni stroncato da una malattia. Era uno dei simboli del quartiere. Di lui rimangono la passione e l’amore per un lavoro di straordinaria bellezza. Il ricordo della figlia

Stefano Sardina con la figlia

Non era solo un "semplice" falegname. Stefano Sardina era un artista. Un artista del legno, capace di disegnare, creare e inventare rigorosamente a mano libera. Se n'è andato a 85 anni lasciando un vuoto in chi lo conosceva. Era uno degli ultimi ebanisti a Palermo, probabilmente uno dei pochi rimasti in Italia. Sardina - uno dei simboli della Kalsa - è morto nelle scorse ore, stroncato da una malattia. Di lui rimangono la passione e l’amore per un lavoro di straordinaria bellezza. Con lui se ne va un pezzo della Palermo che non c'è più.

"Era la storia della Kalsa", dice chi lo conosceva bene. "Un grande uomo, un fantastico papà - aggiunge commossa a PalermoToday, Carmela Sardina, la figlia -. Nel quartiere lo conoscevano tutti. Non era il tipo che amava i riflettori, ma la sua bottega in pieno centro era diventata un punto di riferimento, anche se poi aveva trasferito la sua attività in piazza Scaffa".

Gli ebanisti sono coloro che compongono decorazioni, mosaici e disegni veri, utilizzando solo ed esclusivamente il legno. "Lui realizzava anche vasi e posaceneri, sempre a mano libera", sottolinea la figlia. Ed il legno è stato uno degli amori di Sardina che ha iniziato la sua attività nei lontani anni Quaranta. In piazza Kalsa avviò la sua bottega insieme ai fratelli. Insegnò l’arte del mestiere anche al figlio Carlo che ha seguito così le stesse orme del padre, .

"A Palermo - dice Carmela Sardina - in tanti lo conoscevano, aveva una fascia di clienti che comprendeva anche professionisti, come ad esempio diversi medici. Si dilettava pure nel restauro, anche di mobili antichi. La sua attività è durata ininterrottamente per quasi 70 anni. Praticamente fino alla sua fine dei suoi giorni".

I funerali si svolgeranno domani mattina in piazza Kalsa alle 11, nella chiesa di Santa Maria della Pietà. Stefano Sardina lascia quattro figli - Mimma, Piero e appunto Carlo e Carmela - e tanti nipoti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia morti altri tre anziani: 75 i nuovi contagi, più della metà a Palermo

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento